Come migliorare la resistenza ai lavaggi delle magliette serigrafate

Come migliorare la resistenza ai lavaggi delle magliette serigrafate

Salve ho riscontrato alcuni problemi durante il lavaggio di alcune stampe. Dopo la segnalazione di un cliente, ho fatto diverse prove di stampa, utilizzando inchiostro bianco con l’aggiunta di Texprint catalizzatore universale e Texprint ritardante gel lasciato polimerizzare per più di una settimana a temperatura ambiente (la scheda tecnica indica 72 ore).
Una volta lavate in lavatrice il colore ha perso in generale coprenza sull’intera stampa e in alcune zone intere sezioni sono andate via. La prova è stata fatta sia su tessuto in 100% cotone che in percentuale 20% poliestere 80% cotone e 65% poliestere 35% cotone.

Lorenzo, La Spezia

Gli inchiostri a base acqua del tipo “autoreticolante”, cioè con possibilità di essiccazione a freddo, offrono il massimo delle prestazioni su cotone 100%. Più aggiungiamo tessuto sintetico, meno aderiscono.

Ha fatto bene ad aggiungere il catalizzatore universale, che migliora la tenuta, ma tenga presente che il ritardante, che non si deve aggiungere in percentuali superiori al 5%, rallenta notevolmente la reticolazione e quindi la tenuta finale.

Altre due variabili importanti che influiscono sulla tenuta finale sono l’umidità e la temperatura ambientali: ambienti freddi e umidi possono non solo rallentare la reticolazione, ma perfino impedirla: se molecole d’acqua rimangono imprigionate all’interno dell’inchiostro, asciugato in superficie, ne impediscono per sempre l’indurimento definitivo.

come migliorare la resistenza ai lavaggi delle magliette stampate

In questi casi si consiglia di scaldare le stampe, possibilmente con una termopressa, o almeno con uno sverniciatore ad aria calda. Avendo cura di non bruciare il tessuto. Il calore, anche dopo qualche tempo dalla stampa, può risolvere la situazione.
E’ comunque buona norma fare asciugare le stampe in ambiente caldo (20°C) e asciutto.

E’ da ricordare ai suoi clienti che i tessuti stampati devono comunque essere lavati a non più di 40°C, con le stampe rivolte verso l’interno.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Il consiglio per costruirsi in casa un bromografo con i Neon UV Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220 V. Potreste inviarmi uno schema del circuito perchè non riesco a farli accendere? Abifè Lo schema del circuito dipende dal tipo di starter e di con...
Alcuni chiarimenti sul Kit per incidere i telai Vorrei avere alcune informazioni sull'articolo "Neon UV per incisione telai. Kit di 6 Pezzi" Il Kit comprende anche i cavi per collegarli? Che attacco hanno? Sono lunghi di 65 cm o 120 cm? Samuele I "neon UV per incisione telai - kit di 6 pezzi" c...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia