Consigli per lavorare con emulsione QLT pronta all’uso

Consigli per lavorare con emulsione QLT pronta all’uso
Ho acquistato l’emulsione QLT circa una settimana fa e ho provato a incidere due/ tre telai con una lampada a led da 36w e 4000k vicina 8 cm dal telaio, per un tempo complessivo di 50 minuti.
Il risultato è che quando lavo il telaio il disegno fa difficoltà ad aprirsi all’inizio e poi grattando un po’ con lo spazzolino si apre, ma si scioglie anche la gelatina impressionata, perdendo così la forma del disegno. Cosa posso fare? La gelatina è scaduta?

Luca

La gelatina QLT che lei ha acquistato non è assolutamente scaduta.
C’è la possibilità che, nel suo laboratorio, la gelatina abbia preso luce e si sia deteriorata, ma lei stesso, ripercorrendo mentalmente le procedure eseguite, potrà valutare questa possibilità.
Comunque, con ogni probabilità, il motivo del problema è un’esposizione eccessiva: non sono in grado di stabilire a tavolino quale deve essere l’esposizione corretta per la sua lampada a LED, ma francamente 50 minuti mi sembrano davvero troppi.

Altro elemento importante: nello sviluppo del telaio non ci si aiuta MAI con spazzolini, spugne o attrezzi similari: la gelatina, se correttamente esposta, deve venire via da sola dopo 2-3 minuti di lavaggio a pressione moderata.
Un altro particolare: 8 cm di distanza tra il telaio e la lampada sono troppo pochi: la lampada in questo modo non riesce a illuminare il telaio in modo uniforme. Porti la distanza ad almeno 50 cm.

Le consiglio di provare con un’esposizione di 20 minuti, di sviluppare e osservare se la gelatina si stacca regolarmente, si stacca anche dove non c’è il disegno, o non si stacca per niente.
Se non si stacca per niente dovrà ridurre ancora il tempo. Se si stacca anche dove non c’è il disegno dovrà invece aumentare di circa il 20% , e perciò portare l’esposizione a 24 minuti.

Il fatto che la gelatina QLT non cambi colore dopo l’esposizione è corretto: la QLT non ha diazo e perciò è sempre colorata di blu, prima e dopo essere stata esposta.

Le consiglio anche, per avere un’immagine ben definita lungo i contorni, di curare particolarmente l’adesione tra la pellicola e il telaio. In caso contrario la luce parassita gira attorno al disegno della pellicola e impressiona la gelatina anche nelle zone del disegno.

Altro consiglio: tutte le operazioni di emulsionatura e incisione devono essere fatte in luce attenuata: la QLT è molto sensibile anche alla luce bianca.

Ultimo consiglio: controlli che la pellicola sia stampata con un nero veramente coprente; in caso contrario la luce passa attraverso il disegno e indurisce la gelatina.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Il consiglio per costruirsi in casa un bromografo con i Neon UV Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220 V. Potreste inviarmi uno schema del circuito perchè non riesco a farli accendere? Abifè Lo schema del circuito dipende dal tipo di starter e di con...
Alcuni chiarimenti sul Kit per incidere i telai Vorrei avere alcune informazioni sull'articolo "Neon UV per incisione telai. Kit di 6 Pezzi" Il Kit comprende anche i cavi per collegarli? Che attacco hanno? Sono lunghi di 65 cm o 120 cm? Samuele I "neon UV per incisione telai - kit di 6 pezzi" c...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia