Bolle sul transfer serigrafico. Come risolvere?

transfer-serigrafico
Salve, sto per avviare un laboratorio di stampa digitale e serigrafica ma sto avendo problemi con i transfer serigrafici e non riesco a capire se è un problema di inchiostri o della temperatura del forno.
In pratica si formano dei puntini (come delle bolle d’aria). Come posso risolvere?
Inoltre volevo anche chiedervi se per le stampe a più colori è preferibile utilizzare gli inchiostri vinilici e come posso ottenere le varie tonalità di colore miscelando CMYN.

Marco, Caserta

 

L’inchiostro più adatto per realizzare i transfer serigrafici è senza alcun dubbio il plastisol.
Difficile dare risposte con così pochi elementi. Potrebbe descrivere il problema specificando tutte le fasi della lavorazione? (tipo e marca di carta – temperatura di pre-asciugamento del transfer – modalità di trasferimento)

Posso anticiparti però che la stampa su transfer (parlo del supporto) va passata in forno ad una temperatura non superiore ai 100-110°, questo perché il plastisol deve “gelificare” e non fondere, pertanto le bolle che rilevi potrebbero essere causate dalla eccessiva temperatura di asciugatura.

Oppure: se i puntini, o bolle d’aria, si formano sulla carta transfer appena stampata, potrebbe dipendere dalla carta transfer che usi, che rifiuta il plastisol.
Mi confermi che è come se l’inchiostro “ritirasse” e lasciasse un buco privo di inchiostro?

Per capire le varie fasi del transfer serigrafico è molto utile il dvd didattico di Angelo Barzaghi

Per quanto poi riguarda le stampe a più colori, se parli di abbigliamento e stampa diretta direi proprio che i vinilici siano i meno adatti. Plastisol tutta la vita, almeno agli inizi, proprio per la sua versatilià e estrema facilità di stampa.

Occhio ai telai che abbiano con il giusto numero di fili; evita, se puoi l’uso di maglie troppo larghe come 43 o 55 fili quando si parla di stampa a più colori.

Ovviamente non è così facile semplificare un discorso così complesso in termini soprattutto di varianti, ma direi che con questi pochi punti essenziali tu possa iniziare quantomeno ad aggiustare il tiro.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Vorrei stampare delle scritte su delle tazze e mi stavo chiedendo se per farlo basta avere una stampante laser, prendere...

Un kit per tampografia, comprensivo degli accessori minimi, costa in realtà molto meno di 1700 euro. Con poco più di...

Per la sublimazione noi consigliamo il Sistema Virtuoso, che include già le cartucce ed il software dedicato alla stampa in...

Sono interessato alla stampa su oggetti e vorrei valutare l'acquisto della strumentazione necessaria. - il mio budget è di circa 2mila...

La carta transfer per decalcomania va bene per qualsiasi superficie rigida liscia, quindi la ceramica sicuramente si. Il cemento invece...

Non è la soluzione migliore per la cottura dell'inchiostro Plastisol, ma se la produzione è minima allora va benissimo. Bisogna...

I Plotter Secabo della versione C sono della linea più rumorosa, economica ed imprecisa. La versione S ha il servomotore quindi...

Per stampare su Ecopelle contenendo al massimo la spesa, il nostro consiglio è guardare al Sistema Oroshock. Se avete già una...

Per i dischi in vinile servirà un inchiostro a solvente, come Serimat (finitura opaca) o Serigloss (finitura lucida), con apposito...