Transfer digitale e stampa sublimatica. Pro e contro

gadget
Sono titolare di una tabaccheria, e vorrei dare un servizio di personalizzazione su molti articoli e materiali. C’è qualche macchinario sul mercato che possa fare al caso mio?


Davide

Per la stampa di soggetti sempre diversi e di cui stampare pochi pezzi le due tecniche su cui orientarsi sono il transfer digitale (per stampanti laser o inkjet) e la sublimazione.
Entrambi hanno vari pro e contro, ad esempio:

Stampa transfer Inkjet:
– basso costo di attrezzature
– stampa su tutti i supporti che resistano alle temperature della termopressa, ma non su supporti rigidi
– nel caso di stampa su tessuti scuri resta lo sfondo bianco
– il ritaglio va fatto a mano o con plotter da taglio
– effetto della stampa “plastico”
– colori molto vividi
– resiste al lavaggio delicato e stiratura dal rovescio

Stampa transfer Laser:
– se ci si attrezza con la stampante con toner bianco si può trasferire praticamente qualsiasi immagine
– stampa su tutti i supporti che resistano alle temperature della termopressa, anche su supporti rigidi
– la carta è autoscontornante e nel caso di stampa su tessuti scuri non rimane lo sfondo bianco, ma chiaramente se si utilizza una stampante senza toner bianco non si potrà trasferire nessuna immagine che contenga colori molto chiari, tendenti al bianco
– non serve ritaglio dell’immagine
– effetto della stampa molto morbida
– resiste al lavaggio delicato e stiratura dal rovescio

Stampa sublimatica:
attrezzatura più costosa (stampante con appositi inchiostri, forno 3d in caso si debba trasferire l’immagine su tazze o cover o altro che non abbia una superficie piana)
– si può trasferire su qualsiasi tessuto in POLIESTERE (almeno 70%) BIANCO e su qualsiasi supporto rigido BIANCO e in POLIESTERE, o con verniciatura superficiale in poliestere (per sicurezza è sempre meglio utilizzare gadget che nascono già con lo scopo della sublimazione)
– stampe ultra brillanti ed assolutamente indelebili
– resistenza ottima ai lavaggi

In tutti i casi, dovrà dotarsi di carta apposita per la tecnica scelta, e di una termopressa. In caso di cappellini c’è la termopressa per cappellini che serve sia in caso di stampa sublimatica, sia transfer digitale.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Sono interessato alla stampa su oggetti e vorrei valutare l'acquisto della strumentazione necessaria. - il mio budget è di circa 2mila...

Vorremmo indicazioni sui materiali necessari per stampare sulla Carta di Canapa. Ci sono stati indicati due processi in particolare: - stampa serigrafica...

Sto cercando quante più informazioni possibili per aprire un negozio di stampe su magliette, grembiuli, cappellini, ecc... destinati alla vendita...

Volevo creare degli adesivi o trasfer con tematica militare da applicare ai busti delle minifigures della Lego. Secondo lei come...

Buongiorno, io e mia moglie abbiamo deciso di liberare la mansarda per fare un laboratorio di stampa su magliette, cappellini...

Vorrei sapere se i fumi sviluppati durante la stampa con carta transfer sono tossici. La utilizzo in una piccola stampa...

Ho letto con interesse l'articolo Come personalizzare abbigliamento per una società sportiva. Anche la società sportiva della quale sono presidente...

Vorrei comprare da voi la carta transfer decalco. Come funziona? Su cosa posso stampare di interessante? Io adopero già la...

Foto di copertina tratta da: printingmarket.it Ho intenzione di aprire una piccola attività basata sulla personalizzazione di tessuti e oggetti....