Per aprire un’attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari?

Per aprire un’attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari?

Vorrei sapere se per aprire un’attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari.
Ho letto sul vostro sito che, nel caso di stampa serigrafica, servono permessi appositi. Vale lo stesso anche per il plotter? E per la sublimazione? È necessario un laboratorio vero e proprio o posso dedicare una stanza di casa?

Daniele

Premetto che, trattandosi di materia delicata e complessa, è consigliabile rivolgersi a un’associazione artigiana locale, in grado di fornirti informazioni certe.
Comunque, in linea generale e con la preghiera di verificare quanto scrivo, suggerirei di distinguere tra l’argomento fiscale/amministrativo e quello relativo al luogo di lavoro.

– argomento fiscale: qualunque attività professionale deve essere regolarmente dichiarata, inquadrata secondo ciò che prevede la legge a riguardo, e così pure gli introiti relativi. Mi risulta che oggi le start up abbiano a disposizione diverse soluzioni di inquadramento.

– luogo di lavoro: un grafico professionista può utilizzare come luogo di lavoro la propria abitazione e lì collocare i suoi attrezzi, generalmente “puliti” (computer, stampante, plotter da taglio, termopressa).
Si tratta di attrezzature che non richiedono adeguamenti dell’ambiente di lavoro come, per esempio impianti di ventilazione o altro. Questo tipo di attività non genera nemmeno prodotti da smaltire.

– diverso è per un laboratorio serigrafico, che può emettere esalazioni dannose o che disturbano i vicini, che produce acque o sostanze per i quali lo smaltimento a norma di legge è obbligatorio. In più un’abitazione ha come destinazione d’uso l'”abitazione” e non può essere adibita a “laboratorio artigiano”.

Al di là delle leggi esiste poi il buonsenso, che ci suggerisce di stimare la dimensione di un’attività del genere: un conto è stampare qualche maglietta ogni tanto, magari per diletto, un conto è stamparne decine o centinaia per trarne reddito.

Ribadisco che un colloquio con un consulente di un’associazione artigiana potrà chiarirti molto meglio le idee.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

4 cose da considerare prima di aprire un laboratorio di serigrafia Sono alla ricerca di un locale per avviare una piccola serigrafia. Il locale, per essere a norma, ha bisogno di specifiche strutturali oppure un qualsiasi locale commerciale va bene? Ci vogliono permessi specifici per gettare gli inchiostri, gli stra...
Come smaltire la carta sporca di inchiostro serigrafico Abbiamo un dubbio sullo smaltimento della carta sporca di inchiostri serigrafici. Noi già smaltiamo con una ditta specializzata rifiuti liquidi, stracci e barattoli. La carta va riciclata normalmente o come rifiuto speciale? Luca La carta sporca di...
Come funziona un impianto efficace di ricircolo delle acque per serigrafia La pompa di ricircolo mette in ricircolo solo il solvente o anche l'acqua con cui si è rigenerato il telo? Sergio Se il sistema di ricircolo raccoglie i liquidi che provengono dallo scarico della vasca, è certo che vengono raccolti e fatti circolar...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

, , ,

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia