Per aprire un’attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari?

Per aprire un’attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari?

Vorrei sapere se per aprire un’attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari.
Ho letto sul vostro sito che, nel caso di stampa serigrafica, servono permessi appositi. Vale lo stesso anche per il plotter? E per la sublimazione? È necessario un laboratorio vero e proprio o posso dedicare una stanza di casa?

Daniele

Premetto che, trattandosi di materia delicata e complessa, è consigliabile rivolgersi a un’associazione artigiana locale, in grado di fornirti informazioni certe.
Comunque, in linea generale e con la preghiera di verificare quanto scrivo, suggerirei di distinguere tra l’argomento fiscale/amministrativo e quello relativo al luogo di lavoro.

– argomento fiscale: qualunque attività professionale deve essere regolarmente dichiarata, inquadrata secondo ciò che prevede la legge a riguardo, e così pure gli introiti relativi. Mi risulta che oggi le start up abbiano a disposizione diverse soluzioni di inquadramento.

– luogo di lavoro: un grafico professionista può utilizzare come luogo di lavoro la propria abitazione e lì collocare i suoi attrezzi, generalmente “puliti” (computer, stampante, plotter da taglio, termopressa).
Si tratta di attrezzature che non richiedono adeguamenti dell’ambiente di lavoro come, per esempio impianti di ventilazione o altro. Questo tipo di attività non genera nemmeno prodotti da smaltire.

– diverso è per un laboratorio serigrafico, che può emettere esalazioni dannose o che disturbano i vicini, che produce acque o sostanze per i quali lo smaltimento a norma di legge è obbligatorio. In più un’abitazione ha come destinazione d’uso l'”abitazione” e non può essere adibita a “laboratorio artigiano”.

Al di là delle leggi esiste poi il buonsenso, che ci suggerisce di stimare la dimensione di un’attività del genere: un conto è stampare qualche maglietta ogni tanto, magari per diletto, un conto è stamparne decine o centinaia per trarne reddito.

Ribadisco che un colloquio con un consulente di un’associazione artigiana potrà chiarirti molto meglio le idee.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Il consiglio per costruirsi in casa un bromografo con i Neon UV Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220 V. Potreste inviarmi uno schema del circuito perchè non riesco a farli accendere? Abifè Lo schema del circuito dipende dal tipo di starter e di con...
Serigrafia: la normativa per il lavaggio dei telai Volevo sapere cosa prevede la normativa attuale per il lavaggio dei telai. È necessario un depuratore oppure gli inchiostri sono ecocompatibili? Maurizio Gli attuali inchiostri serigrafici, di qualsiasi marca e tipo, non sono ecocompatibili e perci...
4 cose da considerare prima di aprire un laboratorio di serigrafia Sono alla ricerca di un locale per avviare una piccola serigrafia. Il locale, per essere a norma, ha bisogno di specifiche strutturali oppure un qualsiasi locale commerciale va bene? Ci vogliono permessi specifici per gettare gli inchiostri, gli stra...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

, , ,

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia