Cosa serve per stampare in serigrafia su t-shirt

Salve signor Franco. Mi sto affacciando ora al mondo della serigrafia. Non ho conoscenze. Devo stampare su delle magliette di cotone bianco delle scritte e dei numeri abbastanza grandi in nero. Da quanto ho capito leggendo le precedenti domande dovrei acquistare un telaio 47×57 cm oppure 50×70 cm in legno con 55 o 77 fili per cm. Inoltre mi serve una racla delle giuste dimensioni, una spatola per inchiostri e una vaschetta stendigelatina. E una lampada a raggi uv. Il mio problema consiste nel fatto che non so che tipo di emulsione e colori usare. Se inchiostri a base acquosa, al plastisol o a solvente, e quindi i relativi tipi di emulsione. La ringrazio anticipatamente per una sua risposta ed eventuali delucidazioni sui prodotti.

Federico, Rovigo

Per stampare su t-shirt un formato A4 (cm21x30) è sufficiente un telaio di dimensioni esterne cm 42×52.

per stampare un formato A3 (cm30x42) è necessario un telaio di dimensioni esterne com 47×57 o, per lavorare con maggiore comodità, cm 47×68. Il formato 50×70 è eccessivo e ingombrqante per questi scopi, oltre che più costoso.

Se usa inchiostri a base acqua è corretta la scelta dei 55 fili, massimo 77 fili.

Le consiglio di utilizzare un’emulsione universale come la Textil HT, che trova sul sito all’indirizzo http://www.cplfabbrika.com/emulsioni-universali.html; in questo modo potrà usare il telaio indifferentemente con qualsiasi tipo di inchiostro.

Per quanto riguarda gli inchiostri: per stampare su t-shirt il più semplice da utilizzare è un inchiostro a base acqua, come il Modatex, che trova al’indirizzo http://www.cplfabbrika.com/modatex-quasar-1-kg.html:  asciuga anche a temperatura ambiente, senza bisogno di fonti di calore, ed è disponibile anche nelle confezioni da 0,5 Kg.

L’inchiostro plastisol offre il vantaggio di una più semplice stampabilità, in quanto non asciuga sul telaio, ma richiede tassativamente la temperatura di 150-160°C per l’indurimento e la resistenza ai lavaggi. La sua finitura è più lucida rispetto a quella degli inchiostri a base acqua.

L’inchiostro a solvente si usa su tessuti solo nel caso di poliesteri sintetici e nylon: anche questo asciuga a temperatura ambiente, e il colore risultameno elastico rispetto agli inchiostri descritti sopra.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Serigrafia. Se l’inchiostro ad acqua non tiene sulle maglie Mi è successo di riscontrare dei problemi sulla tenuta al lavaggio di alcune t-shirt stampate con inchiostro Texprint ad acqua di colore bianco (su base scura). Ho riscontrato il problema solo su alcuni pezzi in modo casuale, quindi fatico a capire q...
Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Serigrafia. 5 Consigli per stampare con inchiostri ad acqua quando fa caldo Ho acquistato da voi l'inchiostro Texprint Mono per serigrafia. Il problema è che, soltanto dopo due stampe, le altre cominciano ad uscire sbiadite, il colore si secca sul telaio: ha qualche consiglio? Ho ipotizzato che il colore si secchi per il t...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

, ,

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia