Cosa serve per stampare in serigrafia su t-shirt

Salve signor Franco. Mi sto affacciando ora al mondo della serigrafia. Non ho conoscenze. Devo stampare su delle magliette di cotone bianco delle scritte e dei numeri abbastanza grandi in nero. Da quanto ho capito leggendo le precedenti domande dovrei acquistare un telaio 47×57 cm oppure 50×70 cm in legno con 55 o 77 fili per cm. Inoltre mi serve una racla delle giuste dimensioni, una spatola per inchiostri e una vaschetta stendigelatina. E una lampada a raggi uv. Il mio problema consiste nel fatto che non so che tipo di emulsione e colori usare. Se inchiostri a base acquosa, al plastisol o a solvente, e quindi i relativi tipi di emulsione. La ringrazio anticipatamente per una sua risposta ed eventuali delucidazioni sui prodotti.

Federico, Rovigo

Per stampare su t-shirt un formato A4 (cm21x30) è sufficiente un telaio di dimensioni esterne cm 42×52.

per stampare un formato A3 (cm30x42) è necessario un telaio di dimensioni esterne com 47×57 o, per lavorare con maggiore comodità, cm 47×68. Il formato 50×70 è eccessivo e ingombrqante per questi scopi, oltre che più costoso.

Se usa inchiostri a base acqua è corretta la scelta dei 55 fili, massimo 77 fili.

Le consiglio di utilizzare un’emulsione universale come la Textil HT, che trova sul sito all’indirizzo http://www.cplfabbrika.com/emulsioni-universali.html; in questo modo potrà usare il telaio indifferentemente con qualsiasi tipo di inchiostro.

Per quanto riguarda gli inchiostri: per stampare su t-shirt il più semplice da utilizzare è un inchiostro a base acqua, come il Modatex, che trova al’indirizzo http://www.cplfabbrika.com/modatex-quasar-1-kg.html:  asciuga anche a temperatura ambiente, senza bisogno di fonti di calore, ed è disponibile anche nelle confezioni da 0,5 Kg.

L’inchiostro plastisol offre il vantaggio di una più semplice stampabilità, in quanto non asciuga sul telaio, ma richiede tassativamente la temperatura di 150-160°C per l’indurimento e la resistenza ai lavaggi. La sua finitura è più lucida rispetto a quella degli inchiostri a base acqua.

L’inchiostro a solvente si usa su tessuti solo nel caso di poliesteri sintetici e nylon: anche questo asciuga a temperatura ambiente, e il colore risultameno elastico rispetto agli inchiostri descritti sopra.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Vorrei farvi delle domande sugli inchiostri da serigrafia: possono essere utilizzati per dipingere a mano su tessuto, con pennello o...

Quali sono gli inchiostri migliori da usare per un evento di serigrafia dal vivo su t-shirt? Ragionandoci credo che gli...

Vorrei specializzarmi nella stampa su carta con inchiostri base acqua, però nelle ultime stampe sto avendo qualche problema. L'inchiostro che...

Scrivo per chiederle alcuni consigli sulla stampa sulla seta di cotone. Questa stoffa servirà per confezionare dei cuscini. Qual è...

Da poco ho fondato un piccolo marchio di abbigliamento (per ora magliette felpe e cappellini) producendo tramite terzi un centinaio...

Riscontro troppi problemi sulla stampa con colori all'acqua. Ho provato tre o quattro tipi di inchiostri base acqua e asciugatura...

È possibile serigrafare delle bottiglie di vetro già piene (di vino, nel mio caso) oppure le bottiglie subiscono trattamenti di...

Mi è successo di riscontrare dei problemi sulla tenuta al lavaggio di alcune t-shirt stampate con inchiostro Texprint ad acqua...

Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei...