6 Domande e… 11 Risposte sulla Stampa Transfer e Sublimatica

6 Domande e… 11 Risposte sulla Stampa Transfer e Sublimatica

Sono interessato alla stampa su oggetti e vorrei valutare l’acquisto della strumentazione necessaria.

– il mio budget è di circa 2mila euro.

– Il mio principale dubbio è che molti indicano sia la termopressa sia il forno 3D, come adatti per la sublimazione, non comprendo però se questi possano essere comunque utilizzati per l’applicazione del vinile o dei fogli transfer dato che il processo mi risulta simile.

– Stavo orientandomi verso il vinile poiché il metodo sublimatico richiede il trattamento delle superfici recettive, ho letto che il vinile è stampabile con una qualsiasi stampante ma questo mi lascia in dubbio sul fissaggio del colore.

– L’uso di vinile e/o transfer non bianchi (trasparente o colorato) implica l’utilizzo di una stampante in grado di utilizzare il bianco come colore base e mi risulta che le OKI si prestino al caso, oppure esistono altre stampanti?

– Ho recentemente acquistato una Brother CM900 “Scan-n-cut”, la scelta é ricaduta su questa “scontornatrice” per la capacità di acquisire direttamente le immagini senza passare per un computer. Consigliate comunque l’acquisto di un plotter migliore?

– Considerando i vari metodi utilizzabili, quale mi consigliereste in virtù dei costi dei materiali di consumo , di facilità di elaborazione e resa per stampe con gradienti e molti colori ?

Rolando

Rispondo nell’ordine alle sue domande:

– anche con un budget di 2000 euro si può iniziare a produrre: è sufficiente limitarsi all’essenziale e scegliere attrezzi di dimensioni contenute.

la termpressa è un attrezzo veramente versatile: consente di trasferire a caldo sia i vinili termosaldabili, sia i transfer ink jet e laser, sia i transfer sublimatici.
I forni 3D, invece, sono utili soltanto per il transfer sublimatico su oggetti tridimensionali e rigidi. Il transfer sublimatico su tessuto si applica solo con la termopressa.

– il transfer sublimatico richiede il trattamento delle superfici; ma questo non è un buon metodo: è conveniente acquistare articoli neutri già trattati industrialmente; su questi il trattamento è uniforme, privo di discontinuità, e l’immagine trasferita sarà perfetta. Il trattamento artigianale con bomboletta spray può funzionare, ma genera più scarti e non può essere la norma.

– normalmente il vinile è colorato; viene intagliato con il plotter da taglio e applicato con la termopressa. Immagini a tinte piatte a più colori si realizzano applicando successivamente i vari pezzi di vinile.

– se ciò che vogliamo riprodurre è una scritta o un’immagine conviene allora utilizzare il transfer.

la qualità di stampa del transfer laser può essere ottima. La tenuta ai lavaggi può essere inferiore rispetto ad altri tipi di stampa, ma per alcuni transfer è previsto un ulteriore trattamento protettivo trasparente che li rende resistentissimi.

– sicuramente una stampante OKI in grado di stampare il bianco le risolve qualsiasi situazione. Tuttavia il colore bianco può essere ottenuto con vari stratagemmi: usare il bianco di fondo, nel caso si trasferisca su supporti bianchi; oppure usare transfer per supporti colorati, nel caso si trasferisca su supporti colorati.

– esistono molte marche di stampanti laser. Ma i fabbricanti di carte transfer tarano le loro carte sui toner delle stampanti OKI, con o senza il bianco; perciò le stampanti OKI sono ritenute le più adatte alla stampa delle carte transfer.

– Brother Scan-n- Cut ha un funzionamento molto intuitivo ed è semplice da usare, ma è considerato “per hobby”. Le consiglio di passare a plotter più professionale soltanto nel momento in cui ne sentirà l’esigenza reale; soprattuto per quanto riguarda la risoluzione di taglio.

– Se il budget è limitato le consiglio in prima battuta di concentrarsi sul transfer laser e sul vinile termosaldabile. Le sarà sufficiente una stampante OKI C612 N, ed una termopressa piana: ne trova a vari prezzi qui  e qui. Il plotter da taglio lo ha già.

– Successivamente potrà affrontare il transfer sublimatico, con stampante dedicata (Sistema Virtuoso di Sawgrass) e Forno 3D , grande o piccolo.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Stampare in Serigrafia o in Digitale: ecco come scegliere Vorremmo indicazioni sui materiali necessari per stampare sulla Carta di Canapa. Ci sono stati indicati due processi in particolare: - stampa serigrafica - stampa digitale Potete fornirci maggiori dettagli in merito, come la differenza tra i du...
Le 3 cose necessarie per aprire un negozio di stampa su magliette Sto cercando quante più informazioni possibili per aprire un negozio di stampe su magliette, grembiuli, cappellini, ecc... destinati alla vendita come souvenir. Mi piacerebbe fare fotografie a paesaggi e riprodurle insieme a scritte, nomi e immagini ...
Stampa con Termopressa: i materiali termoadesivi rilasciano sostanze nocive? Quali rischi per la salute e quali prodotti nocivi si sviluppano nelle operazioni di stampa con termopresse manuali di capi di abbigliamento per lavoro (esempio: magliette, giubbetti, ecc.)? Felice, Camaiore Per quanto è nelle nostre conoscenze, i ...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

, , , ,

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia