Se il cliché tampografico presenta alcuni dossi che rovinano la stampa

Se il cliché tampografico presenta alcuni dossi che rovinano la stampa

Le chiedo un informazione sui clichés tampografici.
È possibile che sul cliché, una volta effettuata la pulizia con l’alcol, si accentuino dei leggeri “dossi” che al passaggio della tazza si sporcano, rovinando poi le mie lavorazioni ?
Il mio problema oltretutto non è centrale o solo su un lato. Ci sono 3-4 “bolle” sparse. Uso alcool 94° e batuffolino di cotone. Rispetto i tempi di esposizione, retinatura e indurimento.

Anna

Se un cliché tampografico trattiene l’inchiostro in quell’area c’è sicuramente una depressione: quando la guarnizione della tazza passa sulla depressione perde l’aderenza e rilascia l’inchiostro, che poi viene raccolto dal tampone.

Si tratta di capire quando si formano queste depressioni:
– in fase di realizzazione del cliché, per cui le arrivano già difettosi
– in fase di esposizione
– in fase di sviluppo

Per verificare il primo caso, si tratterebbe di controllare visivamente e con attenzione il cliché appena esce dalla confezione nera: provi a osservarlo a luce radente. La superficie deve essere liscia, lucida e senza ondulazioni di alcun tipo.

In fase di esposizione, che potrebbe essere la causa più probabile: la pellicola con cui espone è perfettamente pulita nelle aree esterne al disegno? Basta un piccolo punto nero o anche una macchia per impedire alla luce di indurire il polimero in quella zona.
Se lei dice che con alcune grafiche il problema si presenta e con altre no, sono portato a credere che si tratti della pellicola.

In fase di sviluppo: il batuffolo di cotone imbevuto di alcol deve agire esclusivamente sull’area del disegno. Infatti, se sfregato con insistenza anche sulle altre aree, a lungo andare scioglie un poco anche il polimero che ha preso luce e crea la depressione che poi trattiene l’inchiostro.

Provi a verificare se, dopo le esposizioni e lo sviluppo il cliché presenta zone opache attorno al disegno: se è così quelle zone opache sono più basse della superficie del cliché e trattengono l’inchiostro.

Escludo che il problema possa nascere dalle modalità di stoccaggio. Le consiglio comunque di conservare i cliché neutri in frigorifero, ben chiusi nella loro custodia nera; infatti il fotopolimero, specie con le temperature estive, invecchia piuttosto rapidamente.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Come calcolare le dimensioni di un cliché tampografico in base al logo da stampare. Ho necessità di stampare alcuni loghi di dimensione massima 100x60mm in verticale su bottiglie di ceramica e vetro. Posso ottenere questa stampa con fotopolimeri di dimensioni 100x210 mm? Posso sfruttare la loro lunghezza? Marco Immagino che la dom...
Tampografia. Cliché sporco d’inchiostro e stampa sbavata. Come fare? Ho problemi nell'incisione del polimero per tampografia. Quando inizio a stampare mi rimane una gran quantità di colore sulla lastra e la stampa viene sbavata. Ho provato più volte a variare i tempi di incisione per ottenere una stampa migliore,...
Incisione dei cliché per tampografia. Alcuni consigli utili Vorrei delle informazioni sull'incisione del cliché per tampografia. Dopo averlo inciso questo risulta avere dei puntini in positivo che evitano che l'inchiostro riempia completamente le scritte. Come posso risolvere? Vincenzo Se lei...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia