Capire la differenza fra le diverse cornici dei telai serigrafici

Gent. Sig. Franco,
da qualche giorno navigo incuriosita tra il forum e i vostri prodotti, in cerca di farmi un’idea sul materiale necessario per organizzare una piccola stamperia. Di domande ne avrei molte.. (presto mi iscriverò al forum per partecipare più attivamente alle discussioni, purtroppo ho sempre poco tempo e sono un pò allergica ai social network), però le pongo subito un quesito sui telai: che differenza c’è tra i profili in metallo da 25 e metallo SC1 e in legno? Si usano per scopi diversi o alcuni sono più resistenti? La ringrazio, i migliori saluti. Cristina Zanato

cristina, treviso

Il profilo SC1 è in metallo smaltato e misura circa 30 mm di spessore per 35 mm di larghezza; si tratta di un profile robusto e di conseguenza pesasnte, che conviene utilizzare per formati superiori a 50×70 cm, quando necessita un’alta tensione del tessuto.

Il profilo metallico 25×25 mm è più esile e leggero e misura 25×25 mm di sezione. Funziona bene fino ad una dimensione di circa 50×70 cm, poi è più prudente passare al profilo SC1, più robusto.

Il profilo di legno, che in media ha una sezione di 30 mm di spessore per 35 mm di larghezza, è il più leggero e maneggevole, adatto fino a dimensioni di circa 50×70 cm; fino a questa misura la cornice non flette e il tessuto conseguentemente non perde tensione. La critica più frequente che si fa alla cornice in legno è che con il tempo, sottoposta a ripetute incisioni e lavaggi in acqua, tende a svergolare e perde planeità. In parte è vero, ma resta il fatto che per utiilizzi non intensivi le cornici in legno sono ancora le più pratiche; inoltre il profilo a sezione rettangolare è l’unico che può essere stretto nelle pinze portatelaio di macchine a una sola pinza centrale, spesso usate nei piccoli laboratori. Non dimentichiamo che i telai metallici non sono eterni, anzi: spesso le saldature agli angoli non sono stagne e lasciano penetrare l’acqua all’interno del profilo, che con il tempo fa arrugginire il telaio.

Riguardo al suo interesse per la serigrafia: le sarebbe molto utile il Manuale Pratico di Serigrafia, che trova sul sito all’indirizzo http://www.cplfabbrika.com/libri-e-ebook.html

Il manuale spiega in modo semplice ma rigoroso tutte le procedure per ottenere stampe serigrafiche, a partire dalla realizzazione del file, all’uscita in pellicola, all’incisione del telaio, alla stampa vera e propria.

Vedi Anche:

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Volevo sapere cosa prevede la normativa attuale per il lavaggio dei telai. È necessario un depuratore oppure gli inchiostri sono...

Da qualche settimana, ogni volta che impressiono mi si toglie tutta la gelatina! Ho un bromografo da 8W costruito a...

Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220...

Sono alla ricerca di un locale per avviare una piccola serigrafia. Il locale, per essere a norma, ha bisogno di...

Come si attacca la tela al telaio serigrafico? Mi è sempre stato detto che sarebbe meglio attaccarla a "lato" della...

Esiste una tabella di conversione per la tela per serigrafia da Mesh a Fili/cm? Antonio Poiché i Mesh sono i...

Abbiamo un dubbio sullo smaltimento della carta sporca di inchiostri serigrafici. Noi già smaltiamo con una ditta specializzata rifiuti liquidi,...

La pompa di ricircolo mette in ricircolo solo il solvente o anche l'acqua con cui si è rigenerato il telo?...

Quali sono le misure di sicurezza ai fini della salvaguardia della salute che devono usare coloro che si occupano della...