Come fare la stampa a spessore in serigrafia

Vorrei avere notizie riguardo alla stampa a spessore (non rigonfiabile) .
Grazie

Elisabetta, Viareggio

La stampa a spessore si ottiene con un telaio spessorato. Un telaio spessorato, cioè con uno strato di gelatina che aumenta notevolmente lo spessore del tessuto, si prepara con particolari metodi. Il metodo più rapido, ma anche il più costoso, consiste nell’applicare al tessuto, anziché la gelatina, il film capillare. Questo è commercializzato in vari spessori, fino a 800 micron (otto decimi di millimetro: è veramente un alto spessore), ma normalmente ci si limita a 200 – 300 micron. Il vantaggio del capillare è che si ottiene precisamente lo spessore desiderato con una sola applicazione. L’altro metodo, più economico ma più lungo, consiste nella stesa di successive mani di gelatina fino al raggiungimento dello spessore desiderato. Conviene usare una gelatina apposita, fotopolimero puro, come la Screen Sol HS 900, che ha un alto residuo secco, quindi con poche passate bagnato su asciutto si raggiungono alti spessori. Il secondo vantaggio del fotopolimero puro è la sua alta sensibilità: nonostante l’alto spessore si fotoimpressiona con tempi di esposizione relativamente brevi. Normalmente si stampa a spessore con tessuti a maglia larga (32 fili), ma non è indispensabile. Occorre, però, che il disegno non abbia particolari fini, impossibili ad aprirsi durante lo sviluppo del telaio; occorre anche usare per fotoincidere il telaio una lampada metalalogena anziché i tubi al neon: questa, infatti, assicura una spalla diritta della gelatina incisa, chiudendo meno i filetti sottili. Lo sviluppo di un telaio spessorato richiede molto tempo, anche 30 minuti, e va effettuato solo in luce tenue. Questo tipo di stampa si fa teoricamente con qualsiasi tipo di inchiostro, ma nella pratica sono da preferirsi gli inchiostri elastici, come i plastisol, specie se il supporto di stampa è un tessuto.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Le lamine tengono al lavaggio a secco? Le lamine tengono al lavaggio a secco? Luca Le lamine tengono al lavaggio a secco nel senso che la colla che le trattiene al tessuto non si stacca. Tuttavia occorre considerare che la superficie della lamina è molto delicata: infatti, se lavata in...
Si può stampare su tessuto senza una stampante né una pressa a caldo? Sono un artigiano alle prime armi, dovrei stampare su tessuto tipo raso lucido alcuni disegni con soggetti diversi. Alcuni sono scritti, altri sono fotografie. Non ho una stampante né una pressa a caldo. Come posso fare? Vincenzo, Salerno È impossi...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia