Inchiostro serigrafico a base acqua o plastisol? Quale scegliere?

Salve complimenti per il sito che trovo completo. ho solo una domanda: plastisol o base acquosa? Come faccio a decidere.
Farete di nuovo dei corsi in futuro magari a roma?
Grazie

Giuseppe, Cisterna di Latina

Grazie per i complimenti: stiamo comunque lavorando per rendere il sito ancora più completo. I corsi a Roma sono problematici dal punto di vista logistico e organizzativo. perché non spende un week end in Emilia, nelle vicinanzedi Modena, dove già organizziamo utilissimi corsi della durata di un giorno?. Veniamo alla sua principale domanda: plastisol o base acqua? I due tipi di inchiostri non sono affatto in concorrenza e uno di questi non può sostituire l’altro. Si usano entrambi, scegliendo volta a volta, in base all’effetto che si desidera ottenere. Per quanto riguarda la tenuta, alcuni inchiostri a base acqua, come il Quasar Modatex, sono eccezionali sulle fibre naturali e superano i plastisol. Per quanto riguarda la stampabilità, l’ink a base acquosa tende ad asciugare sul telaio e occorre stampare con alcune precauzioni, specie nella stagione calda, mentre la stampa dei plastisol è meno problematica. I plastisol polimerizzano ad una temperatura più elevata rispetto agli ink a base acqua, e non tutti i tessuti sopportano queste temperature. L’ink plastisol passa meglio attraverso le maglie del quadro serigrafico: può stamparlo fino a 120 fili; l’ink a base acqua non va oltre i 77 fili. L’ink a base acqua penetra nelle fibre del tessuto e lascia una mano più morbida. Il plastisol produce la tipica superficie plastificata e non traspirante: è da tenere presente quando si stampano le t-shirt estive. Le cose si complicano maggiormante in quanto esistono i plastisol senza pvc: inchiostri di nuova concezione che fanno a meno del pvce degli ftalati, sostanza considerate in una certa misura nocive e rifiutate da alcuni produttori di moda. L’effetto della stampa è in questo caso molto vicino a quelo degli ink a base acqua, ma l’inchiostro rimane fresco sul telaio per un periodo sufficiente. A questo punto tiri lei le somme. Franco Ratto

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Serigrafia. Se l’inchiostro ad acqua non tiene sulle maglie Mi è successo di riscontrare dei problemi sulla tenuta al lavaggio di alcune t-shirt stampate con inchiostro Texprint ad acqua di colore bianco (su base scura). Ho riscontrato il problema solo su alcuni pezzi in modo casuale, quindi fatico a capire q...
Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Serigrafia. 5 Consigli per stampare con inchiostri ad acqua quando fa caldo Ho acquistato da voi l'inchiostro Texprint Mono per serigrafia. Il problema è che, soltanto dopo due stampe, le altre cominciano ad uscire sbiadite, il colore si secca sul telaio: ha qualche consiglio? Ho ipotizzato che il colore si secchi per il t...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

, ,

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia