Tampografia. Problemi di tenuta della stampa e promotore di adesione

Tampografia. Problemi di tenuta della stampa e promotore di adesione


Premesso che è già più di un anno che utilizzo la tecnica della tampografia con buoni risultati su molteplici materiali (ABS,PS,POM,PA6/66/+GF,PP) senza l’uso di fiammatori o promotori di adesione. Ma su dei nuovi particolari che stampo per un mio cliente (settore puericoltura) in materiale PP Gr40 Random con superficie extra-lucida (diamante gr6) ho dei grossi problemi di tenuta, pur utilizzando additivi aggrappanti all’interno della mescola del colore e passando i pezzi in forno (come ho sempre fatto con particolari in PP con ottimi risultati). Purtroppo non posso nemmeno utilizzare un promotore di adesione in quanto andrebbe ad alterare notevolmente la superficie lucida del particolare che per di più è estremamente estetico! non so più cosa fare!

 

Massimo, Mantova

Evidentemente il nuovo materiale su cui lei deve stampare ha una tensione superficiale molto bassa.

Non sono convinto che il trattamento della superficie di stampa con un adatto promotore di adesione rovini la superficie stessa: i promotori di adesione, infatti, non corrodono la superficie, ma ne modificano la tensione superficiale e perciò visivamente dopo il trattamento non si nota alcun mutamento. La differenza sta nella nuova possibilità di aggrappaggio dell’inchiostro.

Il passaggio dei pezzi in forno dopo la stampa non cambia per nulla la situazione, in quanto, per essere recettiva nei confronti dell’inchiostro, la superficie di stampa deve essere trattata PRIMA e non dopo la stampa.
Su poliolefine (pre trattate) si comporta molto bene l’inchiostro tampografico T-18 senza alcun catalizzatore.

Il Promotore di Adesione per poliolefine che noi commmercializziamo non si aggiunge all’inchiostro (infatti è tutt’altro che un diluente aggressivo, che intacca la superficie) ma si stende preventivamente sulla superficie stessa. E’ in bomboletta spray oppure in lattina, da stendere con uno straccio. Asciuga in pochi secondi e in base alla nostra esperienza la sua presenza è del tutto invisibile. La superficie trattata può essere stampata subito o anche dopo alcune ore.

Le suggerisco di fare un tentativo con questo prodotto, utilizzato con le modalità che le ho indicato.

In caso di insuccesso, l’unica soluzione rimane la fiammatura o il trattamento corona.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Le attrezzature per stampare quadranti di orologi in tampografia Salve avrei bisogno di sapere se avete dei sistemi per fare dei clichè che servono a stampare quadranti di orologi. Renato, Lecce I quadranti di orologio si stampano  d'abitudine in tampografia. Abbiamo sia le macchine tampografiche adatte, sia l'...
Come stampare etichette in cotone per cappellini Foto di copertina tratta da: coatsindustrial.com Avrei bisogno di effettuare delle stampe su tessuto (presumibilmente cotone); si tratterebbe di etichette di piccole dimensioni, presenti all'interno di cappelli. Come posso fare? Ludovica, M...
Come stampare loghi su sassi da giardino Vorrei trasferire dei loghi sulla superficie dei sassi. Precisamente su quei ciottoli bianchi utilizzati per decorare i giardini. Il problema è che la loro superficie è tridimensionale ed irregolare e per quanto liscia possa essere, rimane un minimo ...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia