Metodi alternativi al forno per polimerizzare l’inchiostro Plastisol

Metodi alternativi al forno per polimerizzare l’inchiostro Plastisol

Buongiorno, sono interessato a riprodurre su magliette in cotone una fotografia in bianco e nero. Quello che ho appurato, informandomi tramite internet, é che la soluzione migliore é utilizzare inchiostri plastisol e un telaio con un certo numero di fili. A questo punto leggo pero della necessità di un forno utile alla corretta asciugatura del plastisol e mi sorge spontanea una domanda: per una produzione domestica e assolutamente amatoriale é necessario un forno professionale o posso asciugare correttamente l’inchiostro anche in un forno di casa o attraverso un comune phon raggiungendo risultati simili a quelli di un forno professionale? se la risposta al primo quesito fosse affermativa, per arrivare a stampare la mia tshirt mi srebbero sufficienti un banco, un telaio, una racla e il colore? Grazie

Daniele, Roma

E’ vero che l’inchiostro plastisol è il più facile da stampare su un tessuto.
Ed  è anche vero che per polimerizzare ha bisogno di una sorgente di calore a 160°C
Questa temperatura non deve essere raggiunta necessariamente con un forno a tappeto, che comunque rimane l’attrezzo più comodo per questa funzione.

Si può polimerizzare l’inchiostro appena stampato anche con una termopressa (costo a partire da 279 euro) o con una cappa flash (costo a partire da 685 euro).
Questi strumenti le consentono di svolgere anche altre operazioni (quelle specifiche per cui sono stati ideati) nell’ambito della stampa serigrafica.

In teoria è possibile polimerizzare il plastisol anche con una termopistola da carrozziere, de costo di poche decine di euro. L’inconveniente pratico è che risluta molto difficile esporre tutta l’area della stampa ad una temperatura costante, nota, e soprattutto ripetibile.
Con la termopistola si procede per tentativi e non si è mai sicuri di avere scaldato tutta l’area a sufficienza.

Per quanto riguarda la semplice operazione di stampa, efffettivamente le sono sufficienti un banco per t-shirt, una racla, una spatola, un telaio inciso, l’inchiostro, il solvente per pulire il telaio dall’inchiostro.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

L’inchiostro Plastisol per Serigrafia viene via al primo lavaggio. Come risolvere. Ho effettuato delle stampe con inchiostro Plast PF ma dopo un paio di lavaggi la vernice si è staccata. È un problema di asciugatura? Daniele Sì, è un problema di asciugatura, o meglio di "polimerizzazione " dell'inchiostro che, nel suo caso, è sta...
Serigrafia: il trucco per stampare il colore bianco sopra il rosso Devo stampare un disegno che prevede una striscia orizzontale di colore rosso e una scritta sopra di essa in bianco, utilizzo inchiostri plastisol. Come faccio ad evitare che, nonostante 6 e più passate di racla in bianco, si veda comunque il ross...
Inchiostri ad Acqua o Plastisol? Le alternative per la serigrafia Vorrei sapere se esistono dei Plastisol ultra soft e se li vendete sul vostro sito. Ho stampato molto con Texprint Base Extrasoft per Supporti Chiari, ma certi colori, anche se catalizzati, non tenevano il lavaggio. È un peccato perchè al tatto la...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia