Principi di base della tampografia

stampare su oggetti con la tampografia

Vorrei iniziare a far funzionare una tampografica a 1 colore. Non ho ancora alcun prodotto -ho solo la macchina- desidererei avere informazioni su tutto: da come si sviluppa un cliché, a come si miscela il colore, a che tipi di colore usare in base a cosa stampare. Gradirei davvero un aiuto per non fare scelte sbagliate e non sprecare tempo e materiale. Grazie anticipatamente.

Nicolò, Mazara del Vallo

Non è facile spiegare i principi della tampografia in poche righe.
Vedrò di farlo in modo molto sintetico e poi, se sarà necessario, la invito a farmi altre domande più particolareggiate dove incontra maggiori difficoltà e io vedrò di darle le relative risposte dettagliate.

– La macchina tampografica, per funzionare, ha bisogno di un cliché di dimensione adatta con inciso sopra il disegno/scritta che si vuole stampare. Ha bisogno dell’inchiostro, che si mette nell’apposita tazza a tenuta stagna, e ha bisogno del tampone, che trasferisce l’inchiostro dal cliché all’oggetto che si vuole stampare.

– Il cliché si incide con l’apposito bromografo o espositore a luce UV per cliché tampografici, utilizzando una pellicola bianco e nero con stampato il disegno da riprodurre.

– Il disegno deve essere stampato sulla pellicola in modo speculare, perché si ha una buona incisione quando il toner della pellicola è a contatto con il fotopolimero del cliché.

– L’esposizione si compie in due fasi: la prima esposizione, senza retino, e la seconda esposizione con il retino tampo a 120 linee a contatto con il cliché. La seconda esposizione si fa senza la pellicola.

– Lo sviluppo del cliché si fa in una vaschetta contenente normale alcol, sfregando delicatamente un batufolo di cotone imbevuto d’alcol sul cliché.

– Esistono molti tipi di inchiostro tampografico, ognuno ad atto alla stampa su uno specifico materiale. Un inchiostro particolarmente versatile, adatto a moltissimi materiali, è il RUCO T-18.

– Normalmente, per dare all’inchiostro la giusta viscosità, si aggiunge nella tazza il 20-25% dell’apposito diluente.

Esistono tamponi di varie misure e forme, ognuna adatta alle dimensioni della scritta da stampare e alla forma dell’oggetto su cui si stampa. Abbiamo riportato i quattro tipi di tamponi più utilizzati, con cui si risolve la maggior parte dei problemi di stampa.

E ora non le rimane che mettersi a stampare e a ogni difficoltà specifica che incontrerà porre a noi la relativa domanda.

Vedi Anche:

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Quale dei vostri inchiostri per tampografia mi consigliate per personalizzare penne? Sono colori pronti all'uso? Luca Per la stampa su...

Con la macchina tampografica manuale è possibile stampare sulle stanghette degli occhiali e sulle lenti? Luigi La possibilità di stampare...

Ho un macchina tampografica elettrica. Che cosa mi serve per poter creare le mie stampe? Clichè, inchiostri, fogli per la...

Salve avrei bisogno di sapere se avete dei sistemi per fare dei clichè che servono a stampare quadranti di orologi....

Ho necessità di stampare alcuni loghi di dimensione massima 100x60mm in verticale su bottiglie di ceramica e vetro. Posso ottenere...

Foto di copertina tratta da: epsvt.com In giro ci sono molte tampografie elettriche in vendita, mi sapete dare consigli e...

Volevo sapere che composti chimici ci sono all'interno degli inchiostri per serigrafia e tampografia. Questo mi serve per capire che...

Ho problemi nell'incisione del polimero per tampografia. Quando inizio a stampare mi rimane una gran quantità di colore sulla lastra...

Foto di copertina tratta da: coatsindustrial.com Avrei bisogno di effettuare delle stampe su tessuto (presumibilmente cotone); si tratterebbe di etichette...