Risolvere problema di lavaggio con inchiostri a base acqua per serigrafia

inchiostri ad acqua per serigrafia

Il mio problema è il lavaggio, stampo con inchiostro texprint mono bianco e ho provato a fare asciugare le stampe a temperatura ambiente per parecchi giorni ma non resistono ad un lavaggio in lavatrice a 40 gradi, cotone o misti, penso quindi che non abbiano polimerizzato bene (la stampa non viene interamente via ma si rovina parecchio). Ho allora provato a mettere in forno (forno normale di casa) il tessuto stampato a 150° per una decina di minuti, la resistenza al lavaggio è sicuramente molto migliorata però dopo qualche lavaggio piccole parti della stampa vengono comunque via, e non ne capisco il motivo visto che è un inchiostro ad acqua autopolimerizzate… come potrei risolvere il problema?
Volevo poi chiederle un consiglio, il risultato che ottengo con il Texprint è una stampa opaca e secca, per nulla elastica (come da caratteristiche dell’inchiostro), mi va bene per il lavoro che sto facendo (toppe) ma vorrei provare a stampare anche delle magliette e per queste mi servirebbe un inchiostro più elastico e che faccia poco spessore, magari anche leggermente lucido. Lei cosa mi consiglierebbe?

Lorenzo

Sicuramente l’inchiostro scaldato a 150°C polimerizza meglio e più rapidamente di quello asciugato a temperatura ambiente.
In ogni caso l’ideale è lavare i capi a temperatura non superiore a 30°C e rivoltandoli con la stampa all’interno.
E’ comunque normale che un colore bianco rilasci una parte di pigmenti ai primi lavaggi.

Se si desidera un inchiostro con maggiore tenuta, più professionale e più costoso, c’è il Modatex, che è fornito con catalizzatore e grazie a questo aderisce meglio alle fibre del cotone.

Gli inchiostri acrilici a base acqua sono caratterizzati da scarsa elasticità.
E’ lievemente più elastico il Modatex Bianco Elastico, che però ha una coprenza leggermente inferiore rispetto al Modatex normale.

Se si desidera un inchiostro per definizione elastico, con una finitura più “plasticosa” e leggermente lucida, occorre stampare gli inchiostri plastisol, a base di pvc.
In più: se dopo la polimerizzazione si mette la stampa sotto termopressa, accoppiando un foglio di poliestere lucido, la stampa acquista una lucentezza ancora maggiore.

Gli inchiostri plastisol, però, polimerizzano necessariamente a 160°C.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Vorrei farvi delle domande sugli inchiostri da serigrafia: possono essere utilizzati per dipingere a mano su tessuto, con pennello o...

Quali sono gli inchiostri migliori da usare per un evento di serigrafia dal vivo su t-shirt? Ragionandoci credo che gli...

Vorrei specializzarmi nella stampa su carta con inchiostri base acqua, però nelle ultime stampe sto avendo qualche problema. L'inchiostro che...

Da poco ho fondato un piccolo marchio di abbigliamento (per ora magliette felpe e cappellini) producendo tramite terzi un centinaio...

Riscontro troppi problemi sulla stampa con colori all'acqua. Ho provato tre o quattro tipi di inchiostri base acqua e asciugatura...

Mi è successo di riscontrare dei problemi sulla tenuta al lavaggio di alcune t-shirt stampate con inchiostro Texprint ad acqua...

Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei...

Ho acquistato da voi l'inchiostro Texprint Mono per serigrafia. Il problema è che, soltanto dopo due stampe, le altre cominciano...

Stampo da poco magliette utilizzando colori ad acqua e vorrei sapere, avendo letto che il bianco da parecchi problemi se...