Inchiostro tampografico per stampa su vari materiali

inchiostri per stampa in tampografia

Inchiostro per tampografia…. Ho una tampografica manuale e nonostante le innumerevoli prove fatte non ho mai trovato una gamma di inchiostri che funzioni bene e soddisfi le mie aspettative (poca coprenza, scarsa omogeneità nella stampa. La mia domanda è nel chiedere se tra le vostre gamme di inchiostri è possibile trovare un prodotto adatto allo scopo, da provare nella nostra tampografica e naturalmente anche in serigrafia (stampiamo penne, legno verniciato, e a volte metallo). Grazie per la vostra attenzione

Gianluca, Gatteo

Normalmente stampando in tampografia si ottengono i migliori risultati usando inchiostri tampografici.
Questi inchiostri, pur avendo formulazioni molto simili ai corrispondenti inchiostri serigrafici, hanno una carica di pigmenti maggiore, per supplire al fatto che in tampografia lo spessore dell’inchiostro depositato è molto basso; inoltre hanno disciolti solventi rapidi, in grado di garantire l’asciugatura della stampa entro pochi secondi.

Lo stesso solvente rapido, usato in serigrafia, farebbe asciugare l’inchiostro sul telaio, rendendo impossibile la stampa.
Il fatto di usare l’inchiostro adatto non garantisce automaticamente la qualità del risultato; infatti in tampografia le variabili che portano al buon risultato sono più di una:

La compatibilità dell’inchiostro con il supporto: esistono vari inchiostri tampografici, proprio come in serigrafia, e occorre scegliere l’inchiostro adatto al supporto. L’inchiostro T-18 di RUCO, che noi commercializziamo, ha un ampio spettro di azione ed è compatibile con molti materiali, come pvc, abs, poliolefine (con apposito promotore di adesione) ma, per esmepoio, non è adatto al vetro e al metallo naturale. Per questi supporti occorre l’ink T-01, bicomponente.

La diluizione e quindi la viscosità dell’inchiostro: se l’inchiostro è troppo fluido copre poco e si allarga troppo; se è troppo denso fatica a livellarsi in modo uniforme sulla superficie da colorare e tende a rimanere aderente al tampone.

L’incisione del cliché: deve avere la corretta profondità ed essere uniforme; diversamente l’inchiostro si trasferisce sul tampone in modo irregolare.

In sintesi: le sconsiglio di usare il medesimo inchiostro per tampografia e per serigrafia.
Per la tampografia le consiglio il T-18 con il suo diluente standard, e diluito nel modo corretto.
Per la serigrafia può scegliere, nella sezione Inchiostri a solvente, quello adatto al supporto che stamperà.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Quale dei vostri inchiostri per tampografia mi consigliate per personalizzare penne? Sono colori pronti all'uso? Luca Per la stampa su...

Con la macchina tampografica manuale è possibile stampare sulle stanghette degli occhiali e sulle lenti? Luigi La possibilità di stampare...

Ho un macchina tampografica elettrica. Che cosa mi serve per poter creare le mie stampe? Clichè, inchiostri, fogli per la...

Salve avrei bisogno di sapere se avete dei sistemi per fare dei clichè che servono a stampare quadranti di orologi....

Ho necessità di stampare alcuni loghi di dimensione massima 100x60mm in verticale su bottiglie di ceramica e vetro. Posso ottenere...

Foto di copertina tratta da: epsvt.com In giro ci sono molte tampografie elettriche in vendita, mi sapete dare consigli e...

Volevo sapere che composti chimici ci sono all'interno degli inchiostri per serigrafia e tampografia. Questo mi serve per capire che...

Ho problemi nell'incisione del polimero per tampografia. Quando inizio a stampare mi rimane una gran quantità di colore sulla lastra...

Foto di copertina tratta da: coatsindustrial.com Avrei bisogno di effettuare delle stampe su tessuto (presumibilmente cotone); si tratterebbe di etichette...