Flavio e Ciro ci raccontano come si fa serigrafia all’Associazione MUR di Milano

workshop di serigrafia a Milano con Associazione MUR

Tra  facce da telaio e bachi da seta, Flavio Gilberti e Ciro Trezzi ci accompagnano alla scoperta di Associazione MUR che a Milano organizza workshop ed eventi per promuovere, diffondere ed applicare la serigrafia.
Flavio e Ciro sono convinti che in serigrafia basta avere buon occhio e manualità per arrivare ad un ottimo risultato.
Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Flavio per capire com’è nata questa avventura e quali sono gli obiettivi dell’Associazione.

Ciao Flavio, raccontaci un po’ di voi. Come nasce Associazione MUR?
Associazione MUR nasce tempo fa per soddisfare un bisogno che io e Ciro avevamo: frequentare un corso di serigrafia. Per varie ragioni avevamo scoperto che ad entrambi interessava frequentare un corso di serigrafia e ci siamo messi a cercarne uno. Una volta trovato -fuori Milano- il corso saltò. E fu molto difficile trovarne altri validi. Abbiamo a quel punto deciso di organizzarne uno noi. E da lì è partita l’esperienza che ben presto ci ha portato a costituire un associazione, Associazione MUR.

Il logo della vostra associazione ci incuriosisce.
E’ un bruco. Per l’esattezza è un bombyx mori, nome tassonomico del baco da seta che, come tutti sappiamo, è intrecciato a doppio filo sia con il nostro territorio e la sua economia nei secoli scorsi che con la serigrafia, che deriva proprio da “seri”, “seta”.

workshop di serigrafia a Milano con Associazione MUR
Il logo di Associazione MUR sul telaio

La vostra missione, leggiamo sul vostro sito, è quella di far conoscere, promuovere e applicare la serigrafia. Perché proprio la serigrafia?
Come dicevo prima l’Associazione è stata costruita su un nostro bisogno diretto: imparare la serigrafia. La decisione di organizzare direttamente workshop ci ha portato a sviluppare in maniera più organica questa missione. Missione che rimane comunque sempre la stessa: diffondere la serigrafia e le arti grafiche applicate in generale.

Che cosa chiedono di più i ragazzi che partecipano ai vostri workshop? Quali sono i loro sogni nel cassetto e dove trovano le maggiori difficoltà?
Il pubblico che partecipa ai nostri workshop è molto eterogeneo. Le aspettative sono diverse: alcuni sono più orientati alla sperimentazione, altri alla produzione. Il workshop soddisfa entrambi i profili in quanto fornisce la padronanza dell’intero processo di stampa. Questo permette sia allo sperimentatore di provare a superare nuovi limiti, che al partecipante orientato alla produzione di far proprie delle nozioni tecniche e di gestione necessarie per l’avvio di una prima produzione.

workshop di serigrafia con Associazione MUR
I ragazzi fanno conoscenza del telaio durante un workshop

Che cos’è “Mettici la faccia”?
“Mettici la faccia” è l’invito che facciamo ai nostri fan su facebook per partecipare ai nostri workshop. In genere iniziamo la promozione di nuovi workshop sempre attraverso la nostra pagina facebook. E se andrete a vedervi il prossimo “Mettici la faccia” capirete il senso. E la prossima faccia potrebbe essere la vostra!

workshop di serigrafia con Associazione MUR
Prove partiche di stampa durante uno dei workshop di Associazione MUR

Se doveste spiegare che cos’è la serigrafia a qualcuno che non ne ha mai sentito parlare, cosa direste?
E’ una tecnica di stampa molto rudimentale che puoi fare anche in casa e che in poco tempo ti può portare a stampare prodotti ottenendo risultati più che soddisfacenti. E’ una tecnica abbastanza semplice e si può facilmente controllare l’intero ciclo produttivo, dall’ideazione alla stampa.
Tutte le  fasi si possono controllare  in funzione del prodotto finale e decidere di intervenire in una momento specifico del percorso per modificare consapevolmente il risultato. Telaio, racla, inchiostro. In casa troverete tutto il resto.

workshop di serigrafia con Associazione MUR
Un altro momento del workshop

Una delle vostre parole d’ordine è “autoproduzione”. Ci credete? L’autoproduzione vincerà sulla standardizzazione?
Per rispondere a questa domanda serve aver chiaro il contesto al quale ci si riferisce. L’autoproduzione è sicuramente uno strumento efficacissimo. Ma non può accedere (fisiologicamente) a mercati di un certo tipo, oltre che di certe dimensioni.
Questo non toglie che l’autoproduzione sia un efficacissimo strumento di costruzione del proprio pensiero artistico e tecnico.

telai serigrafici ad Associazione MUR
Un po' di telai pronti per la stampa

Per saperne di più:
Associazione MUR website >>
Associazione MUR è su Facebook >>

 

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Ciao Silvia e Alessandro, presentatevi ai nostri lettori. Chi siete e che cosa fate? Siamo un essere scomposto in due...

Ciao Tommy, chi sei e che cosa fai? Presentati tu ai nostri lettori. Ciao, sono il co-fondatore di coffeeshirt e...

Da più di un anno raccogliamo le storie dei serigrafi e stampatori italiani per il nostro blog. Sono storie di...

Grafica, visual design, comunicazione. Sono questi gli ingredienti di Torino Graphic Days, il primo festival internazionale della comunicazione visiva che...

Creare qualcosa che non perda la sua forza col passare del tempo. Marco ha pensato di farlo con la serigrafia...

Massimo di gavetta ne ha fatta tanta e oggi EdiArt è un laboratorio tutto suo, dove stampa con la serigrafia e il...

Con una matita in mano e tanta buona musica in testa, Viviana riesce a creare magliette che si muovono al...

Studio.F è un trio, un team col pallino per le etichette e con una storia importante. Abbiamo intervistato Simone e...

Un laboratorio "di senso" in cui serigrafia, sartoria e fotografia lavorano armoniosamente per dar vita a progetti creativi di moda...