Il mangime per le galline e la voglia di concretezza. Intervista a Elena, Sara e Marco di Tundra Stamperia

Il mangime per le galline e la voglia di concretezza. Intervista a Elena, Sara e Marco di Tundra Stamperia

Un giornalista, un’antropologa e un’esperta di cooperazione e sviluppo hanno deciso che era ora di usare le mani, sfruttare le loro conoscenze e mettere in pratica le loro idee, con un’attenzione particolare all’ambiente.
La serigrafia era il modo più semplice per cominciare. Elena, Sara e Marco ci hanno raccontato com’è nata la loro Tundra.

Ciao Tundra! Ci raccontate chi siete e che cosa fate? Presentatevi voi ai nostri lettori.
Ciao a te! Noi siamo tre persone che hanno deciso di provare a fare qualcosa di positivo in prima persona.
Noi, Elena e Sara, siamo sorelle, con Marco ci conosciamo da anni.
È da un po’ di tempo che stiamo cercando di mettere in pratica le nostre idee, in particolare legate all’ambiente e all’ecologia.
Abbiamo cominciato a lavorare assieme in un’associazione, ma la cosa non ha funzionato, forse perché si era in troppi e le energie si disperdevano.
Abbiamo deciso di riprovare solo in tre, partendo da qualcosa di molto concreto.
Veniamo da percorsi molto diversi; Elena è laureata in cooperazione allo sviluppo, Sara è antropologa, Marco fa il giornalista, ma abbiamo deciso di unire le nostre competenze e rimetterci in gioco.

E la serigrafia quando arriva?
La serigrafia ci è sembrata il modo più semplice per cominciare. Sentivamo la necessità di fare, di usare le nostri mani, di costruire. L’idea è venuta a Sara, che ha seguito un corso di serigrafia con Small Caps, a Venezia.
Abbiamo deciso di cominciare da qui, stampando in casa e puntando molto sul lato green.
Vorremmo continuare su questa strada, convinti che si possa “produrre” e mantenere un basso impatto a livello ambientale. Ci piacerebbe riuscire a far diventare la serigrafia un vero e proprio lavoro.

Tundra, stamperia e serigrafia ecologica

Elena e Sara controllano il telaio


Tundra. Perché avete scelto questo nome?

Cercavamo un nome bello, semplice, che la gente potesse ricordare. Volevamo poi che ci fosse un richiamo forte alla natura. Tundra è stata la prima cosa che ci è venuta in mente, è stata un’illuminazione.
E poi funziona: quest’estate siamo stati in viaggio e abbiamo portato qualche nostra creazione a Berlino e Copenaghen. Tundra è un nome efficace in tutte le lingue, abbiamo scelto bene.

Leggiamo dalla vostra presentazione che quello che vi sta più a cuore è l’attenzione per l’ambiente. Come concretizzate questo vostro impegno? La serigrafia è ecologica?
La nostra idea è quella di ridurre il più possibile l’impatto ambientale in quello che facciamo.
Impressioniamo i telai al sole, per esempio, per ridurre l’uso di lampade alogene. Inoltre cerchiamo di recuperare e riutilizzare qualsiasi oggetto: abbiamo realizzato diverse stampe su stoffe di scarto, che un’azienda tessile stava gettando al macero.
Ci siamo inventati delle confezioni usando dei sacchi di carta che contenevano il mangime che diamo alle nostre galline. I primi guadagni li stiamo reinvestendo nell’acquisto di tessuti organici e fair trade: stampiamo soprattutto shoppers e t-shirts, dunque la scelta del materiale più rispettoso dell’ambiente diventa importante.
Vogliamo impegnarci anche nel sociale sfruttando il nostro background formativo, per questo stiamo cercando di attivare un progetto in Ghana di empowerment attraverso l’utilizzo della serigrafia.

Tundra Stamperia sviluppa telai serigrafici col sole

Telai tesati e incisi al sole


Autoproduzione e hand-made sono altre due parole ricorrenti. Ci credete? L’autoproduzione vincerà sulla standardizzazione?

Ogni cosa prodotta da sé, partendo da zero o quasi, è una conquista.
Ci si ritrova per le mani un oggetto unico, bellissimo. Fare le cose a mano vuol dire soprattutto curare ogni minimo dettaglio. Non c’è altra cosa più importante della passione nella produzione artigianale. Cosa può esserci di più bello?

Tundra Stamperia e Serigrafia

Un banchetto pieno di creazioni made in Tundra


Se doveste spiegare che cos’è la serigrafia a qualcuno che non ne ha mai sentito parlare, cosa direste?

E’ un processo di stampa che permette di realizzare la propria immaginazione. Per noi è anche un modo per tessere relazioni attraverso l’espressione artistica che c’è in ognuno di noi; crediamo che la sperimentazione sensoriale crei una particolare condivisione delle esperienze.

Anche le galline hanno un ruolo importante per Tundra

Anche le galline sono importanti per Tundra


Tecnica serigrafica. Una cosa facile e una difficile da fare. Una che vi esalta e una che vi annoia.

La cosa più facile per noi è trovare nuove idee da sviluppare in contesti impensabili, la cosa più difficile è non riuscire a sporcarsi! Ci esalta vedere che il lavoro finito è uguale a quello immaginato e ci annoia dover tesare il telaio.

Cosa c’è nel vostro laboratorio?
Casino! Attualmente ci rinchiudiamo in un garage, come tutti i gruppi grunge, dove stiamo sviluppando i nostri primi lavori tra scatoloni e biciclette.

serigrafia e stampa ecologica con Tundra

Elena, Sara e Marco, il team Tundra


Per approfondire:

Tundra sul web >>
Tundra su Facebook >>

 

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Tra arte da indossare e serigrafia virulenta. Intervista a Silvia e Alessandro di Varol Ciao Silvia e Alessandro, presentatevi ai nostri lettori. Chi siete e che cosa fate? Siamo un essere scomposto in due teste, quattro mani e due racle che si aggira tra le nebbie emiliane... Scherzi a parte, lavoriamo spesso in due o più elementi an...
Serigrafia, digitale e ricamo. La nostra intervista a Tommy di Coffeeshirt Ciao Tommy, chi sei e che cosa fai? Presentati tu ai nostri lettori. Ciao, sono il co-fondatore di coffeeshirt e aspirante Mastro-serigrafo dal 2011. Come nasce la Coffeeshirt e perché questo nome? Quanti siete? Coffeeshirt è un laboratorio seri...
Storie di Serigrafi. Le nostre interviste del 2016 Da più di un anno raccogliamo le storie dei serigrafi e stampatori italiani per il nostro blog. Sono storie di bellissime esperienze, laboratori che crescono ogni giorno, storie di vita e di lavoro che hanno entusiasmato noi e i nostri lettori. ...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia