Uso corretto di macchina per tampografia

Anch’io come l’amico Antonello ho acquistato una tampografica tdy 300, consegnata proprio oggi. A parte che manca di manuale d’uso, ma il punto mio di domanda e mi rivolgo a voi esperti anche ad Antonello, è questo. La piastra per il cliche come viene bloccata, dato che la base di acciaio dove viene poggiata è priva sia di fori laterali, sia di magnete tanto da spingere l’idea di acquistare i cliche con piastra calamitata. Perchè utilizzare clicle f.to 70×100, quando la base supporta un f.to 17.5×7.5 circa? I tamponi 25×38 mm, non sono troppo piccoli, magari quando su certe penne il loro fusto consente una superficie di stampabile di 5.5 cm. o addirittura 6 cm.
Vi prego di rispondermi, ho timore di aver sbagliato acquisto, ma per un disoccupato che ha volontà di lavorare e creare qualcosa di proprio per tirare a campare è il massimo che potevo spendere

FRANCESCO, CATANIA

Non è così facile aiutarvi, poiché ho visto la macchina TDY 300 solo in foto. A rigore dovreste chiedere al venditore che vi metta in condizioni di utilizzare l’attrezzo: le istruzioni d’uso DEVONO accompagnare l’attrezzatura e da qualche parte DEVE esistere qualcuno della casa costruttrice in grado di rispondere a domande tecniche.

Da ciò che si vede dalle foto il fissaggio del cliché alla piastra potrebbe essere magnetico; ma se ciò non è, non vedo altra soluzione che il doppio adesivo: c’è il tipo debole, che si acquista in cartoleria, e il tipo forte, che si usa per fisssare la moquette; se è sufficiente, meglio usare il tipo debole, per non rischiare di rovinare il cliché quando lo staccate; sono sufficienti due, max tre tacche di doppio adesivo distanziate tra loro.

Se la base misura 17,5×7,5 cm non conviene montare cliché con lati più lunghi, anche perché la superficie senza appoggio non può esser sfruttata ma al tempo stesso costa. La misura ideale del cliché è lievemente superiore alla superficie coperta dalla corsa del calamaio.

Per quanto riguarda le dimensioni del tampone: anche in questo caso ciò che determina la dimensione massima del tampone ( e del disegno stampabile) è il diametro del calamaio. Comunque sostituire il tampone non è un problema, in quanto i tamponi sono acquistabili senza difficoltà (anche presso CPL Fabbrika) e una dotazione di due, tre tamponi, specifici per determinati oggetti,  è cosa normale  in tampografia.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Se il cliché tampografico presenta alcuni dossi che rovinano la stampa Le chiedo un informazione sui clichés tampografici. È possibile che sul cliché, una volta effettuata la pulizia con l'alcol, si accentuino dei leggeri "dossi" che al passaggio della tazza si sporcano, rovinando poi le mie lavorazioni ? Il mio probl...
Come calcolare le dimensioni di un cliché tampografico in base al logo da stampare. Ho necessità di stampare alcuni loghi di dimensione massima 100x60mm in verticale su bottiglie di ceramica e vetro. Posso ottenere questa stampa con fotopolimeri di dimensioni 100x210 mm? Posso sfruttare la loro lunghezza? Marco Immagino che la dom...
Tampografia. Cliché sporco d’inchiostro e stampa sbavata. Come fare? Ho problemi nell'incisione del polimero per tampografia. Quando inizio a stampare mi rimane una gran quantità di colore sulla lastra e la stampa viene sbavata. Ho provato più volte a variare i tempi di incisione per ottenere una stampa migliore,...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia