Soluzioni e consigli per fare serigrafia nelle scuole

fare serigrafia con i bambini

Nella scuola primaria di mia figlia partirà un progetto che si chiama Genitori in Cattedra. Lavorando nel campo grafico io insegnerò la serigrafa su tessuto. In questo caso t-shirt. Mi servirebbe forse il banco manuale ECO.

Seguo due classi da 25 bambini, ai quali vorrei far provare la tecnica della serigrafia, senza dovere attendere tanto, quindi pensavo a più telai che lavorino contemporaneamente. Sa consigliarmi il materiale di cui avrei bisogno?

Simona

Il banco manuale t-shirt Eco è la soluzione migliore per stampare comodamente le t-shirt, ma è anche vero che organizzare più postazioni di stampa richiede un elevato investimento.
L’alternativa opposta è quella di appoggiare un telaio sulla t-shirt, magari con quattro spessori sotto da 2 mm, e stampare.

È però indispensabile inserire all’interno della t-shirt una tavoletta spessa 5-6 mm, cosparsa di colla removibile, per avere il tessuto dove si stampa perfettamente piano e senza grinze, e per evitare che sollevando il telaio questo si porti in alto la maglietta, con conseguente sbavatura della stampa.
Il costo di questo metodo è prossimo allo zero.

Esiste una soluzione intermedia: dotarsi di un certo numero di pinze a cerniera, che si avvitano al tavolo di legno e consentono al telaio di alzarsi e abbassarsi a libro, sempre nella stessa posizione.
Anche in questo caso occorre inserire un pannello rigido, anche cartoncino duro, all’interno della maglietta.

L’inchiostro più adatto e più economico per questo tipo di iniziative è l’inchiostro a base acqua “Fai da te”, sia per stampare su magliette che su carta.
Si tratta di una base neutra che viene volta a volta pigmentata con poco colorante liquido concentrato, per preparare l’inchiostro del colore desiderato.
Non a caso abbiamo inserito questa soluzione nei kit scuola.
I kit scuola sono infatti studiati per predisporre postazioni di stampa con un basso investimento.
Nei kit scuola sono anche compresi dei telai.
In ogni caso, lavorando con inchiostri a base acqua, le consiglio i telai con dimensione esterna 42×52 cm, tesati a 55 fili.

Per quanto riguarda la preparazione dei telai, le segnalo una tecnica adottata in alcune scuole d’arte: il disegno di ciò che si vuole stampare si fa a pennello, direttamente sul telaio, stendendo l’emullsione in negativo, per ottenere la maschera.
La parte di telaio non coperta dall’emulsione sarà l’immagine che si traferirà sulla maglietta, o sul foglio di carta. E’ sufficiente mettere alla luce per 20 minuti il telaio così dipinto, e l’emulsione indurirà.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Quali sono gli inchiostri migliori da usare per un evento di serigrafia dal vivo su t-shirt? Ragionandoci credo che gli...

Vorrei specializzarmi nella stampa su carta con inchiostri base acqua, però nelle ultime stampe sto avendo qualche problema. L'inchiostro che...

Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220...

Volevo sapere cosa prevede la normativa attuale per il lavaggio dei telai. È necessario un depuratore oppure gli inchiostri sono...

Sono alla ricerca di un locale per avviare una piccola serigrafia. Il locale, per essere a norma, ha bisogno di...

Abbiamo un dubbio sullo smaltimento della carta sporca di inchiostri serigrafici. Noi già smaltiamo con una ditta specializzata rifiuti liquidi,...

La pompa di ricircolo mette in ricircolo solo il solvente o anche l'acqua con cui si è rigenerato il telo?...

Quali sono le misure di sicurezza ai fini della salvaguardia della salute che devono usare coloro che si occupano della...

Vorrei sapere se per aprire un'attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari. Ho letto sul vostro sito che,...