Laboratorio serigrafico e smaltimento dei residui di lavorazione

Laboratorio serigrafico e smaltimento dei residui di lavorazione
Per quanto riguarda lo smaltimento dello strippaggio usato; a chi bisogna rivolgersi?
in quanto ho chiesto al mio comune di appartenenza e mi hanno riferito di rivolgermi a chi mi ha fornito il materiale; quindi a voi.

Gessica, Lerici

Il suo comune le ha dato un’informazione sbagliata perché, probabilmente , non conosceva la risposta.
Tutti i prodotti residui della lavorazione serigrafica sono considerati rifiuti “speciali” o rifiuti “pericolosi”, e devono essere affidati ad un’azienda di smaltimento locale che li ritira, rilascia apposita ricevuta e dietro pagamento provvede a smaltirli a norma di legge.

Per quanto riguarda in particolare i residui di lavorazione liquidi, come lo strippaggio (e anche l’emulsione del telaio sviluppato non fa eccezione) non può essere immessa nella fognatura, ma deve essere raccolta in recipienti e consegnata alla medesima azienda.
Proprio per questo motivo le serigrafie in regola con la normativa si sono dotate di una vasca di sviluppo telai a circuito chiuso, scollegata dalla fognatura e con sistema di depurazione inserito nel circuito.

In più la gestione dei rifiuti richiede un apposito registro di carico e scarico, che va compilato ogni volta che si producono rifiuti o che si smaltiscono. Per questo aspetto una sede locale di un’associazione artigiana, tipo CNA, potrà darle informazioni dettagliate.

Quanto scritto è valido per laboratori professionali, cioè per aziende, grandi o piccole, registrate e dotate di partita IVA.

Il privato che fa qualche stampa in casa propria potrà invece affidarsi al buonsenso e alla propria sensibilità ecologica. Tenendo presente che, in ogni modo, lo strippaggio è un liquido corrosivo, nocivo per gli animali e le piante, da usare con cautela e da smaltire con altrettanta cautela.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Facciamo chiarezza sui tempi di esposizione di un telaio serigrafico con luce alogena Ho una luce alogena da 500W e ho utilizzato l’emulsione a Diazo Screen Sol RM Blu. Qual è il tempo giusto di esposizione e la distanza del telaio? Nicola Premetto che la luce alogena da 500 W (luce bianca) non è la sorgente di illuminazione più ada...
4 cose da considerare prima di aprire un laboratorio di serigrafia Sono alla ricerca di un locale per avviare una piccola serigrafia. Il locale, per essere a norma, ha bisogno di specifiche strutturali oppure un qualsiasi locale commerciale va bene? Ci vogliono permessi specifici per gettare gli inchiostri, gli stra...
5 Consigli per stampare in estate con inchiostri ad acqua per serigrafia Ho acquistato da voi l'inchiostro Texprint Mono per serigrafia. Il problema è che, soltanto dopo due stampe, le altre cominciano ad uscire sbiadite, il colore si secca sul telaio: ha qualche consiglio? Ho ipotizzato che il colore si secchi per il t...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

,

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia