Quando conviene passare dalla serigrafia alla tampografia?

necessario per stampare in tampografia

Sto serigrafando con un semplice banco da voi acquistato su flaconi in vetro squadrati e su scatole di cartone per profumi. Secondo voi, posso passare alla tampografia? Il risultato è lo stesso?
Oltre alla macchina tampografica ed il tampone personalizzato, cosa mi occorre? È un metodo più veloce e preciso?

Angelo

La tampografia è una tecnica di stampa ottima, anche per superfici non piane, a due condizioni:
– che il logo/scritta che stampiamo sia di dimensioni contenute (lunghezza massima 60 mm per una macchina tampografica manuale)
– che l’oggetto su cui stampiamo sia di dimensioni contenute (altezza massima circa 60 mm).

Questi limiti sono dovuti alla larghezza della tazza che contiene l’inchiostro e allo spazio disponibile sul piano di stampa, tra il piano stesso e il tampone che lo sovrasta.

Se queste due condizioni sono soddisfatte si può utilizzare una piccola macchina manuale.

Per quanto riguarda le scatole di cartone occorre che la scatola sia sufficientemente rigida, oppure si introduce all’interno della scatola una sagoma rigida; il motivo è che il tampone, stampando, esercita una certa pressione che il supporto di stampa deve essere in grado di sostenere.

Per la scelta dell’inchiostro, si può indifferentemente:
– usare un inchiostro tampografico bicomponente per vetro e uno monocomponente per cartone
– oppure utilizzare i medesimi inchiostri serigrafici che sta utilizzando adesso, aggiungendo però il Diluente Tampografico 18, che li trasforma in inchiostri per tampografia, quindi a essiccazione molto rapida.

Riguardo alla velocità e precisione della tampografia, il risultato finale non è diverso da quello della stampa serigrafica.
Ma, forse, in tampografia si può raggiungere un buon risultato qualitativo con meno manualità e mestiere.

Per stampare in tampografia le occorre:
la macchina tampografica
alcuni tamponi di varie forme e dimensioni, adatti agli oggetti da stampare
i cliché tampografici neutri, da incidere con i vari loghi o scritte
– un espositore per tampografia
un retino tampo
pasta modellabile (per creare l’impronta dell’oggetto da stampare e appoggiarlo in modo stabile sul piano di stampa)
catalizzatore per pasta modellabile 
– alcol denaturato per incidere i cliché
– cotone idrofilo
inchiostri tampografici
– diluente dedicato per inchiostri tampografici

REGISTRATI E CREA LA TUA PERSONALE GUIDA ALLA SERIGRAFIA

  • Aggiungi più informazioni

  • Aggiungi il tuo logo o una tua foto. Max 1MB
  • Scrivi una breve presentazione della tua attività. Il più possibile inedita.
  • Inserisci qui l'indirizzo della tua attività
  • Indica quali sono i settori della tua attività, puoi selezionare più di un settore
  •  

Perchè Registrarsi?

  • Salva gli articoli che ti interessano
  • Consultali quando ne hai bisogno
  • Ricevi la nostra newsletter i con consigli per chi stampa
  • Scarica un Ebook con le storie dei serigrafi italiani
  • Ottieni il 5% di sconto su tutti i nostri prodotti

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Ho un macchina tampografica elettrica. Che cosa mi serve per poter creare le mie stampe? Clichè, inchiostri, fogli per la...

Foto di copertina tratta da: epsvt.com In giro ci sono molte tampografie elettriche in vendita, mi sapete dare consigli e...

Volevo sapere che composti chimici ci sono all'interno degli inchiostri per serigrafia e tampografia. Questo mi serve per capire che...

Possiedo una tampografica pero quando vado a utilizzare le mie lastre in polimero (incise da me) dopo qualche battuta la...

Su quali tipi di plastica posso stampare con la tecnica della tampografia? Quanto durano le stampe? Serena In teoria è...

Vorrei iniziare a far funzionare una tampografica a 1 colore. Non ho ancora alcun prodotto -ho solo la macchina- desidererei...