Qualcuno recentemente, ha comprato il corso: Come preparare il telaio per l’incisione
Qualcuno recentemente, ha comprato il corso: Come scegliere l’inchiostro giusto in serigrafia
Qualcuno recentemente, ha comprato il corso: Come evitare che l’inchiostro ad acqua asciughi sul telaio
Qualcuno recentemente, ha comprato il corso: Calcolare il tempo di esposizione del telaio
Qualcuno recentemente, ha comprato il corso: Come scegliere i fili del telaio serigrafico
Qualcuno recentemente, ha comprato il corso: Daniel Tummolillo I segreti della mia Serigrafia d’Arte

Lavorare correttamente con la gelatina universale QLT

emulsionare un telaio da serigrafia

Ciao Franco ho un po di problemi con la gelatina universale. In pratica continuano a cambiarmi i tempi di impressionatura, andando a scendere eppure tengo la gelatina nel barattolo e lontana da sole e fonti di calore. Sto facendo fuori barattoli interi a furia di tentativi. quando pensavo di aver trovato il tempo giusto di esposizione gia’ il giorno dopo era cambiato. Non so piu’ che fare sn un po’ scoraggiato ti prego di aiutarmi grazie.

Pietro, Treia

L’inconveniente lamentato è davvero strano, perché è contrario a qualunque “codice di comportamento” di qualunque gelatina.

Partiamo dalle certezze:
La gelatina QLT si conserva senza modificare le proprie caratteristiche per 18 mesi a temperatura ambiente. Naturalmente con il barattolo ben chiuso e in assenza di luce.

Tutte le operazioni con la gelatina QLT devono essere compiute in penombra o ancora meglio in luce gialla. Infatti questa gelatina è molto sensibile e un’esposizione prolungata alla luce tende ad indurirla. Perciò andranno eseguite a luce tenue: l’emulsionatura del telaio; il montaggio della pellicola sul telaio; l’esposizione alla luce dell’espositore; lo sviluppo in acqua del telaio. L’asciugatura del telaio prima dell’esposizione va fatta addirittura al buio più completo.

Se, nel corso della lavorazione, tuttte le condizioni sopra scritte sono state rispettate la gelatina DEVE avere un comportamento costante.

Vediamo ora quali potrebbero essere le variabili “occulte”, ma nemmeno troppo, in quanto sono perfettamente note, che hanno modificato il comportamento della gelatina:

Numero di fili del telaio: se aumenta il numero di fili deve essere ridotto il tempo di esposizione. Esempio: posto 10 il corretto tempo di esposizione a 55 fili, diventa 5 il tempo di esposizione a 120 fili.

Analogamente: a parità di numero di fili, lo spessore della gelatina sul telaio deve rimanere costante e questo dipende dalla nostra mano e dalla pressione con cui manovriamo la vaschetta stendigelatina. Chi è agli inizi, per non sbagliare è meglio che eserciti una buona pressione sullla vaschetta, in modo da depositare sul telaio uno spessore di gelatina minimo e sempre costante.

La distanza tra la sorgente di luce e il telaio. Questa deve essere assolutamente costante, perché il tempo di esposizione varia con il quadrato della distanza, (se riduco la distanza di 2 volte, devo ridurre l’esposizione di 4 volte!), perciò con piccoli spostamenti della lampada varia tantissimo e rende l’operazione incontrollabile. Non sappiamo che tipo di espositore lei utilizzi, ma spesso chi usa lampade alogene libere, smonta e rimonta il dispositivo ogni giorno, con la conseguenza di non ricreare mai esattamente le medesime condizioni.

– Il test di esposizione andrebbe fatto sempre con la medesima pellicola e quindi con il medesimo disegno. Sarebbe ottime se nel disegno ci fossero campiture di colore vaste, ma anche filetti sottili. In questo modo si valuta meglio la bontà dell’esposizione.

Le propongo di valutare ogni voce della check list che ho scritto, e quindi di capire dove non è in accordo con le sue procedure. Dopodiché sarò molto interessato a conoscere i risultati conseguiti.

REGISTRATI E CREA LA TUA PERSONALE GUIDA ALLA SERIGRAFIA

  • Aggiungi più informazioni

  • Aggiungi il tuo logo o una tua foto. Max 1MB
  • Scrivi una breve presentazione della tua attività. Il più possibile inedita.
  • Inserisci qui l'indirizzo della tua attività
  • Indica quali sono i settori della tua attività, puoi selezionare più di un settore
  •  

Perchè Registrarsi?

  • Salva gli articoli che ti interessano
  • Consultali quando ne hai bisogno
  • Ricevi la nostra newsletter i con consigli per chi stampa
  • Scarica un Ebook con le storie dei serigrafi italiani
  • Ottieni il 5% di sconto su tutti i nostri prodotti

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Il sole è una sorgente luminosa perfetta, perché le sue onde luminose sono molto ricche di frequenze UV. E, come...

Abbiamo preparato alcuni telai, ma quando abbiamo rimosso l'emulsione (QLT) con l'acqua, nella parte anteriore (quella a contatto diretto con...

- La pressione di una idropulitrice è perfettamente in grado di rompere la tela di un telaio, specialmente se la...

Volevo alcune informazioni riguardo a materiale per serigrafia. L'ho sempre fatta a scuola e mi ha appassionato subito e ora...

Sto cercando di creare un laboratorio serigrafico homemade per stampare su carta o tessuti. Non possiedo troppe disponibilità economiche ma...

I motivi del fatto che la gelatina, dopo l'esposizione, si scioglie possono essere vari e ora cerchiamo di individuarli. -...

Volevo sapere quanto tempo possa durare l'emulsione asciutta su un telaio (se non viene fatta subito l'impressione del telaio). La...

Volevo sapere per un maggiore spessore della stampa oltre a utilizzare un inchiostro serigloss (più coprente da voi comprato) ho...

Ho acquistato della Gelatina Zero in Universal Plus. Come faccio a renderla fotosensibile? Mescolo direttamente la polvere di diazo nel barattolo?...