Come preparare le pellicole per serigrafia in casa

preparare le pellicole per serigrafia

Sono un “elettronico” e realizzo in proprio i circuiti stampati con il metodo della fotoincisione. Mi trovo a dover stampare dei master su supporto trasparente. La stampa con raggi UV avviene in positivo pertanto il disegno deve avere la parte in nero assolutamente non trasparente.

Fino ad ora mi sono arrangiato con una vecchia stampante Samsung 2250, usando i lucidi per lavagne luminose e sovrapponendo tre stampe a registro. Purtroppo la stampante in questione sta dando segni di cedimento e i lucidi sopraccitati pare non si trovano più.

Anni fa mi avevano inviato una scatola da 100 fogli di un prodotto simile al vostro “bimattato” ma anche per questo è necessario sovrapporre tre pellicole per avere un nero da cui non passi la luce.

Vi chiedo quindi un consiglio in merito a quale stampante dover acquistare nonché quali fogli poter usare per stampare senza che il nero risulti traslucido. Ricordo che molti anni fa mi ero fatto stampare dei master su pellicola fotomeccanica e quella era perfetta ma chi me l’aveva stampata disponeva di un macchinario importante. Esiste magari qualcosa di simile che si può fare ” in casa”?

Pierangelo, Brescia

Le pellicole fotomeccaniche da lei collaudate tanto tempo fa provenivano da una “fotounità”, attrezzo oggi scomparso.

Oggi risultati analoghi si ottengono con stampanti ink jet normalissime e non modificate, che stampano su un apposito film trasparente per ink jet.
Il film è appositamente trattato su un lato per poter assorbire e trattenere l’inchiostro dell’ink jet.

Il risultato è una stampa ad alta definizione, con un nero perfettamente coprente.

Risultati analoghi si ottengono con stampanti ink jet normalissime.

Trova il film per ink jet, in vari formati e quantità, a questa pagina del nostro sito.

Per quanto riguarda le stampanti ink jet, in teoria possono andare bene tutte, purché di qualità sufficiente. Noi di CPL Fabbrika abbiamo condotto vari test e verificato alcuni modelli, che trova a questa pagina.

 


REGISTRATI E CREA LA TUA PERSONALE GUIDA ALLA SERIGRAFIA

  • Aggiungi più informazioni

  • Aggiungi il tuo logo o una tua foto. Max 1MB
  • Scrivi una breve presentazione della tua attività. Il più possibile inedita.
  • Inserisci qui l'indirizzo della tua attività
  • Indica quali sono i settori della tua attività, puoi selezionare più di un settore
  •  

Perchè Registrarsi?

  • Salva gli articoli che ti interessano
  • Consultali quando ne hai bisogno
  • Ricevi la nostra newsletter i con consigli per chi stampa
  • Scarica un Ebook con le storie dei serigrafi italiani
  • Ottieni il 5% di sconto su tutti i nostri prodotti

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Per stampare su carta la linea di inchiostri che consigliamo più volentieri è Biobase. Il motivo è che questi inchiostri...

Il sistema integrato Virtuoso, che noi proponiamo nei vari formati, è quello che riteniamo più adatto ad una stampa in...

Per la stampa serigrafica su legno naturale esistono varie soluzioni: - inchiostro a base solvente Serimat : non è indispensabile una...

Mi congratulo per il notevole lavoro svolto nel campo della serigrafia. Sono un principiante nella serigrafia e mi piacerebbe diventare...

Esistono solo due tipi di carta transfer per ink jet: quella per tessuti chiari e quella per tessuti scuri; nessuna...

Quale inchiostro è…

Per dipingere a mano sui tessuti, con buona garanzia di tenuta al lavaggio, si possono usare gli inchiostri serigrafici a...

L’emulsione serigrafica deve…

Le gelatine per serigrafia in generale vanno sempre trattate a luce tenue o meglio con lampada di sicurezza gialla o rossa....

I transfer serigrafici si ottengono soprattutto con inchiostri plastisol, stampando sull'apposita carta transfer siliconata. È' molto utile il DVD didattico...

L'aderenza degli inchiostri sull'EVA dipende dalla percentuale di vinilacetato VA contenuto nel materiale. Fino al 30% il materiale va trattato...