Come fare la stampa a spessore in serigrafia

Vorrei avere notizie riguardo alla stampa a spessore (non rigonfiabile) .
Grazie

Elisabetta, Viareggio

La stampa a spessore si ottiene con un telaio spessorato. Un telaio spessorato, cioè con uno strato di gelatina che aumenta notevolmente lo spessore del tessuto, si prepara con particolari metodi. Il metodo più rapido, ma anche il più costoso, consiste nell’applicare al tessuto, anziché la gelatina, il film capillare. Questo è commercializzato in vari spessori, fino a 800 micron (otto decimi di millimetro: è veramente un alto spessore), ma normalmente ci si limita a 200 – 300 micron. Il vantaggio del capillare è che si ottiene precisamente lo spessore desiderato con una sola applicazione. L’altro metodo, più economico ma più lungo, consiste nella stesa di successive mani di gelatina fino al raggiungimento dello spessore desiderato. Conviene usare una gelatina apposita, fotopolimero puro, come la Screen Sol HS 900, che ha un alto residuo secco, quindi con poche passate bagnato su asciutto si raggiungono alti spessori. Il secondo vantaggio del fotopolimero puro è la sua alta sensibilità: nonostante l’alto spessore si fotoimpressiona con tempi di esposizione relativamente brevi. Normalmente si stampa a spessore con tessuti a maglia larga (32 fili), ma non è indispensabile. Occorre, però, che il disegno non abbia particolari fini, impossibili ad aprirsi durante lo sviluppo del telaio; occorre anche usare per fotoincidere il telaio una lampada metalalogena anziché i tubi al neon: questa, infatti, assicura una spalla diritta della gelatina incisa, chiudendo meno i filetti sottili. Lo sviluppo di un telaio spessorato richiede molto tempo, anche 30 minuti, e va effettuato solo in luce tenue. Questo tipo di stampa si fa teoricamente con qualsiasi tipo di inchiostro, ma nella pratica sono da preferirsi gli inchiostri elastici, come i plastisol, specie se il supporto di stampa è un tessuto.

REGISTRATI E CREA LA TUA PERSONALE GUIDA ALLA SERIGRAFIA

  • Aggiungi più informazioni

  • Aggiungi il tuo logo o una tua foto. Max 1MB
  • Scrivi una breve presentazione della tua attività. Il più possibile inedita.
  • Inserisci qui l'indirizzo della tua attività
  • Indica quali sono i settori della tua attività, puoi selezionare più di un settore
  •  

Perchè Registrarsi?

  • Salva gli articoli che ti interessano
  • Consultali quando ne hai bisogno
  • Ricevi la nostra newsletter i con consigli per chi stampa
  • Scarica un Ebook con le storie dei serigrafi italiani
  • Ottieni il 5% di sconto su tutti i nostri prodotti

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Un inchiostro a base acqua adatto alla stampa serigrafica su un giubbotto di jeans è l'Aquatech. La linea di inchiostri...

Si ha la sensazione gommosa quando si stampa con Inchiostro Plastisol a basso numero di fili: così facendo lo spessore...

Esistono due soli colori (oro e argento) per la tecnica Scratch Off? E occorre una stampante particolare per stampare gli...

Scrivo per chiederle alcuni consigli sulla stampa sulla seta di cotone. Questa stoffa servirà per confezionare dei cuscini. Qual è...

Mi è successo di riscontrare dei problemi sulla tenuta al lavaggio di alcune t-shirt stampate con inchiostro Texprint ad acqua...

Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei...

Le lamine tengono al lavaggio a secco? Luca Le lamine tengono al lavaggio a secco nel senso che la colla...

Sono un artigiano alle prime armi, dovrei stampare su tessuto tipo raso lucido alcuni disegni con soggetti diversi. Alcuni sono...

Ho problemi con gli inchiostri, i telai li ho incisi perfettamente, ma quando vado a stendere le vernici sulla maglia,...