Che differenza c’è tra diluenti e solventi per inchiostri serigrafici?

differenza tra dilenti e solventi serigrafia

Occorre distinguere tra “solventi” e “diluenti”.

I primi, come il Solvente Pulizia Telai 51, o Solvente Pulizia Telai 52, servono esclusivamente a pulire il telaio dall’inchiostro, dopo la stampa. La loro composizione, infatti, fa sì che il solvente distrugga le molecole di inchiostro e lo renda removibile.
I solventi, perciò, non vanno assolutamente usati per diluire l’inchiostro, in altre parole per “allungarlo”: lo rovinerebbero.

I “diluenti”, invece, come il “Diluente Normale 15” o il “Diluente Lento 23“, non servono per pulire il telaio dall’inchiostro, ma sono adatti a diluire l’inchiostro, solo se occorre, per renderlo più fluido.

I solventi, perciò, non vanno assolutamente usati per diluire l’inchiostro, in altre parole per “allungarlo”: lo rovinerebbero.

Vanno bene entrambi i prodotti per aprire le maglie del telaio, se l’inchiostro le ha otturate; ma occorre fare attenzione che il Solvente, usato per questa funzione, non vada a inquinare l’inchiostro.

In questi casi è conveniente usare il prodotto specifico “Aprimaglia Spray“, che ha il vantaggio di evaporare in tempi molto rapidi. Si spruzza sul lato inferiore del telaio e successivamente si fanno 3-4 stampe a vuoto, su carta, per riportare il telaio a regime.

REGISTRATI E CREA LA TUA PERSONALE GUIDA ALLA SERIGRAFIA

  • Aggiungi più informazioni

  • Aggiungi il tuo logo o una tua foto. Max 1MB
  • Scrivi una breve presentazione della tua attività. Il più possibile inedita.
  • Inserisci qui l'indirizzo della tua attività
  • Indica quali sono i settori della tua attività, puoi selezionare più di un settore
  •  

Perchè Registrarsi?

  • Salva gli articoli che ti interessano
  • Consultali quando ne hai bisogno
  • Ricevi la nostra newsletter i con consigli per chi stampa
  • Scarica un Ebook con le storie dei serigrafi italiani
  • Ottieni il 5% di sconto su tutti i nostri prodotti

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

È possibile elasticizzare parzialmente il plastisol con l'additivo E. Può ulteriormente ridurre l'effetto screpolatura stampando con telaio a molti fili (77-90...

Con la stampa serigrafica si possono personalizzare superfici in vetro e ceramica. Con gli inchiostri che noi commercializziamo la cosa...

Il transfer serigrafico si fa abitualmente con l'inchiostro plastisol. In particolare, le stampe vengono effettuate in senso speculare sulla carta transfer...

Le consiglio l'inchiostro a base solvente Nyloflex Oro Ricco. Asciuga senza cottura, a temperatura ambiente. Se occorre va diluito con...

Come si stampa…

Il dacron è una forma di polietilene. Perciò, con ogni probabilità, può essere stampato con l'inchiostro Seriprop con o senza aggiunta...

I problemi con la stampante per sublimazione si verificano quando si utilizza una normale stampante ink jet, magari modificandola con...

Per stampare su carta la linea di inchiostri che consigliamo più volentieri è Biobase. Il motivo è che questi inchiostri...

Il sistema integrato Virtuoso, che noi proponiamo nei vari formati, è quello che riteniamo più adatto ad una stampa in...

Per la stampa serigrafica su legno naturale esistono varie soluzioni: - inchiostro a base solvente Serimat : non è indispensabile una...

Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy