Che differenza c’è tra diluenti e solventi per inchiostri serigrafici?

differenza tra dilenti e solventi serigrafia

Occorre distinguere tra “solventi” e “diluenti”.

I primi, come il Solvente Pulizia Telai 51, o Solvente Pulizia Telai 52, servono esclusivamente a pulire il telaio dall’inchiostro, dopo la stampa. La loro composizione, infatti, fa sì che il solvente distrugga le molecole di inchiostro e lo renda removibile.
I solventi, perciò, non vanno assolutamente usati per diluire l’inchiostro, in altre parole per “allungarlo”: lo rovinerebbero.

I “diluenti”, invece, come il “Diluente Normale 15” o il “Diluente Lento 23“, non servono per pulire il telaio dall’inchiostro, ma sono adatti a diluire l’inchiostro, solo se occorre, per renderlo più fluido.

I solventi, perciò, non vanno assolutamente usati per diluire l’inchiostro, in altre parole per “allungarlo”: lo rovinerebbero.

Vanno bene entrambi i prodotti per aprire le maglie del telaio, se l’inchiostro le ha otturate; ma occorre fare attenzione che il Solvente, usato per questa funzione, non vada a inquinare l’inchiostro.

In questi casi è conveniente usare il prodotto specifico “Aprimaglia Spray“, che ha il vantaggio di evaporare in tempi molto rapidi. Si spruzza sul lato inferiore del telaio e successivamente si fanno 3-4 stampe a vuoto, su carta, per riportare il telaio a regime.

REGISTRATI E CREA LA TUA PERSONALE GUIDA ALLA SERIGRAFIA

  • Aggiungi più informazioni

  • Aggiungi il tuo logo o una tua foto. Max 1MB
  • Scrivi una breve presentazione della tua attività. Il più possibile inedita.
  • Inserisci qui l'indirizzo della tua attività
  • Indica quali sono i settori della tua attività, puoi selezionare più di un settore
  •  

Perchè Registrarsi?

  • Salva gli articoli che ti interessano
  • Consultali quando ne hai bisogno
  • Ricevi la nostra newsletter i con consigli per chi stampa
  • Scarica un Ebook con le storie dei serigrafi italiani
  • Ottieni il 5% di sconto su tutti i nostri prodotti

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Solitamente gli inchiostri ad acqua richiedono telai con una filatura non maggiore di 77 fili, ma dipende dall'inchiostro. La filatura...

Un inchiostro adatto alla stampa sui leggins è il plastisol, additivato con Additivo E che è un elasticizzante. Il tessuto dei...

I residui di lavorazione della serigrafia sono considerati rifiuti speciali, e alcuni sono classificati come "pericolosi". In ogni caso devono...

Su lino naturale può utilizzare inchiostri a bas e acqua, come la linea Texprint Mono oppure Modatex . In particolare, per migliorare...

La stampa serigrafica diretta su cappellini richiede un banco di stampa dedicato e per questo è poco praticata. Si preferisce...

Gli inchiostri a base acqua con minore impatto ambientale sono gli Aquatech. Si può caricare la scheda tecnica dalla pagina...

Per la stampa su polietilene si utilizza l'inchiostro a base solvente Seriprop , ma con alcune limitazioni. Infatti può verificarsi...

La stampante fotografica…

La stampante indicata potrebbe essere adatta alla stampa di pellicole bianco e nero. Il tutto dipende dalle caratteristiche di opacità...

Ecco le impostazioni per ottenere un nero coprente sulla stampante ET 2650. Si può scaricare il PDF qui.