Come lavorare con gli inchiostri per serigrafia Aquatech

Come lavorare con gli inchiostri per serigrafia Aquatech

Ho voluto fare una prova usando l’Aquatech base COPRENTE (pigmentata col nero) su stoffa bianca, pensando che fosse più resistente della base trasparente, col risultato che anche “cuocendola” con la termopressa la stampa è venuta via al primo lavaggio.
Da questo devo dedurre che la base coprente agisce davvero solo sui tessuti scuri e la base trasparente funziona unicamente su quelli chiari?
Altra cosa: usando la base TRASPARENTE pigmentata col nero, è normale che sporchi così tanto il retino quando è il momento di pulirlo? Come devo considerare una maglietta rossa?

Stefano, Ferrara

– La base coprente e la base trasparente, se correttamente asciugate, hanno la medesima tenuta sul tessuto.
La scheda tecnica impone 160°C per tre minuti e in questo modo l’inchiostro deve tenere.
Può usare indifferentemente la base trasparente o la base coprente su tessuti chiari o scuri, sapendo però che la prima genera inchiostri non coprenti, la seconda genera inchiostri coprenti.

Benché l’Aquatech sia un inchiostro all’acqua, tuttavia per poter essere elastico contiene piccole quantità di nafte e derivati dal petrolio. Infatti la casa produttrice raccomanda di diluirlo, all’occorrenza, con Aquatech Thinner.
Ciò si ripercuote anche sul lavaggio del telaio: l’acqua da sola non riesce a sciogliere l’inchiostro ed è opportuno utilizzare o l’Aquatech Thinner, oppure il Solvente Pulizia Telai 52, oppure il prodotto inodore Ecosolve.

– Con le due basi può utilizzare indifferentemente tutti i pigmenti concentrati Texprint, senza limitazioni.
L’inchiostro Aquatech asciuga sul telaio più lentamente di un classico inchiostro all’acqua, ma pur sempre asciuga.
Per stamparlo occorre adottare i soliti accorgimenti: non fare soste di stampa prolungate, superiori al minuto; dopo ogni raclata riportare un leggero strato di inchiostro sull’area del telaio occupata dal disegno, in modo che questo sia sempre “carico” di inchiostro e mai pulito.

– Una maglietta rossa è da considerarsi “colorata” , perciò è consigliabile stamparla con la base coprente anziché con la trasparente. In generale, possiamo usare la base coprente sempre, su qualsiasi fondo, e la base trasparente solo quando vogliamo ottenere effetti di trasparenza su colori in sovrapposizione.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Il consiglio per costruirsi in casa un bromografo con i Neon UV Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220 V. Potreste inviarmi uno schema del circuito perchè non riesco a farli accendere? Abifè Lo schema del circuito dipende dal tipo di starter e di con...
Alcuni chiarimenti sul Kit per incidere i telai Vorrei avere alcune informazioni sull'articolo "Neon UV per incisione telai. Kit di 6 Pezzi" Il Kit comprende anche i cavi per collegarli? Che attacco hanno? Sono lunghi di 65 cm o 120 cm? Samuele I "neon UV per incisione telai - kit di 6 pezzi" c...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia