Inchiostri ad acqua, coprenza e otturazione del telaio

Inchiostri ad acqua, coprenza e otturazione del telaio
Ho dei problemi che non riesco a risolvere per quanto riguarda la stampa di inchiostro bianco ad acqua sui tessuti scusa, principalmente nero. Ho già provato a diluire leggermente l’inchiostroe sono già passato da una trama di tela di 43 ad una 38 Niente da fare, il bianco sembra non riuscire a passare coprendo in maniera uniforme la superficie di stampa.

Mario, Bari

Tutti gli inchiostri ad acqua tendono a otturare le maglie del telaio, se li lasciamo fermi per più di un minuto.
Questo può essere il principale motivo per cui l’inchiostro non le passa in modo uniforme su tutta l’area del disegno.
Il rimedio consiste nel non lasciare mai l’area del disegno libera da inchiostro: muovendo senza pressione la racla nella fase di ritorno, depositiamo sull’area coperta dal disegno uno strato di inchiostro spesso 2-3 mm.

Un altro motivo può essere l’eccessiva densità dell’inchiostro: certi bianchi, infatti, sono molto viscosi e passano meglio attraverso il telaio se diluiti molto leggermente con acqua.

Un terzo motivo può essere la mancanza di parallelismo tra il telaio e il piano di stampa: se è così in certe zone il fuori contatto tra telaio e tessuto è eccessivo e con la pressione della racla non si riesce a toccare il tessuto con la tela del telaio. Specie con gli inchiostri all’acqua è buona abitudine effettuare due-tre passate di seguito, a pressione moderata. Quindi si solleva il telaio e si controlla l’effetto; se qualche zona del disegno non è bene inchiostrata, abbassiamo il telaio e ripetiamo un passaggio con la racla, insistendo sulla zona che ne ha bisogno.

Controlli anche, osservando il telaio in controluce, che l’inchiostro non sia già asciugato in alcune zone del disegno, quelle che non vengono bene inchiostrate. In questo caso occorre spruzzare acqua sul telaio e rinfrescare l’inchiostro. Si effettuano due-tre stampate a vuoto su un foglio di carta e il telaio torna a regime.
La filatura 43 è più che sufficiente per ottenere una soddisfacente coprenza.

In sintesi: l‘inchiostratura corretta deriva dal giusto mix tra:
– viscosità dell’inchiostro
– pressione della racla
– velocità della racla
– fuori contatto

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Il consiglio per costruirsi in casa un bromografo con i Neon UV Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220 V. Potreste inviarmi uno schema del circuito perchè non riesco a farli accendere? Abifè Lo schema del circuito dipende dal tipo di starter e di con...
Alcuni chiarimenti sul Kit per incidere i telai Vorrei avere alcune informazioni sull'articolo "Neon UV per incisione telai. Kit di 6 Pezzi" Il Kit comprende anche i cavi per collegarli? Che attacco hanno? Sono lunghi di 65 cm o 120 cm? Samuele I "neon UV per incisione telai - kit di 6 pezzi" c...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia