Asciugare i plastisol con il forno o con la cappa flash?

forno vastex serigrafia

Buonasera, volevo un paio di informazioni su due prodotti che ho visto sul vostro sito: Forno Vastex D-100 e Lampada Vastex F-1000.

Il forno, viste le dimensioni, penso sia adatto alla stampa manuale.
Quanto velocemente asciuga i colori Plastisol? Si può utilizzare anche per l’asciugatura di maglie con stampa digitale diretta?
La lampada: si può aggiungere il pedale? Quali sono i tempi di asciugatura?

Maurizio

Riguardo al forno D-100, progettato appositamente per il plastisol, il costruttore dichiara una produttività di 150 t-shirt/ora. Significa una maglia ogni 24 secondi ed è un ritmo veloce, tipico di stampe a un solo colore; con stampe a più colori, infatti,difficilmente esce dalla macchina una maglia ogni 24 secondi.
Otteniamo questa produttività regolando in modo opportuno la temperatura dell’elemento riscaldante, la velocità del tappeto, la distanza tra il tappeto e l’elemento riscaldante.

In pratica sì, regolando al minimo l’avanzamento del tappeto; infatti gli inchiostri digitali sono a base acqua e necessitano di più tempo per l’evaporazione. In teoria sarebbe necessario un forno ventilato, molto più costoso.
Nella nostra esperienza diretta, però, abbiamo ottenuto con il D-100 ottimi risultati perfino con la stampa discharge, tipicamente a base acqua. Non è stato nemmeno necessario passare due volte la maglia sotto il forno. La tenuta finale al lavaggio è stata perfetta.

La lampada F-1000, come tutte la cappe flash, nasce per le asciugature intermedie. In questo caso, tuttavia, può essere usata anche per la polimerizzazione finale, in quanto questa cappa, a differenza di quelle a bulbo luminoso, rimane accesa in continuo. Diventa perciò superfluo il pedale di comando, che infatti non è previsto. La cappa viene fatta ruotare agevolmente per mezzo di una impugnatura laterale e così, in modo del tutto manuale, viene trattenuta sopra la maglia per il tempo necessario.
È fondamentale, per tarare temperature dell’inchiostro e tempi di esposizione, disporre di un termometro istantaneo IR, che ci permette di conoscere in tempo reale la temperatura raggiunta dall’inchiostro.
Il tempo di asciugatura dipende in questo caso dalla distanza tra l’elemento riscaldante della cappa, che raggiunge circa i 400°C, e la maglia.

In sintesi: nulla vieta di usare questo tipo di cappe per polimerizzare gli inchiostri , ma il forno a tappeto è molto più produttivo poiché rende più fluido il lavoro.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Quali sono gli inchiostri migliori da usare per un evento di serigrafia dal vivo su t-shirt? Ragionandoci credo che gli...

Vorrei specializzarmi nella stampa su carta con inchiostri base acqua, però nelle ultime stampe sto avendo qualche problema. L'inchiostro che...

Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220...

Volevo sapere cosa prevede la normativa attuale per il lavaggio dei telai. È necessario un depuratore oppure gli inchiostri sono...

Sono alla ricerca di un locale per avviare una piccola serigrafia. Il locale, per essere a norma, ha bisogno di...

Abbiamo un dubbio sullo smaltimento della carta sporca di inchiostri serigrafici. Noi già smaltiamo con una ditta specializzata rifiuti liquidi,...

La pompa di ricircolo mette in ricircolo solo il solvente o anche l'acqua con cui si è rigenerato il telo?...

Quali sono le misure di sicurezza ai fini della salvaguardia della salute che devono usare coloro che si occupano della...

Vorrei sapere se per aprire un'attività di stampa t-shirt è necessario avere permessi particolari. Ho letto sul vostro sito che,...