Emulsione serigrafica ed umidità dell’aria

emulsione per serigrafia e umidità

Ho un problema del quale non riesco a venire a capo, riguardo all’incisione dei telai. Da un paio di anni ho cambiato laboratorio, portando con me tutta l’attrezzatura. Niente è cambiato, se non il tasso di umidità, che nel nuovo laboratorio è molto elevato. La gelatina pareva non essiccare più totalmente, e, anche aumentando molto i tempi di esposizione, veniva lavata via totalmente. Ho raggiunto un risultato minimo, aumentando la temperatura nell’essiccatore, ed esponendo i telai prima che si raffreddino, onde evitare che riassorbano umidità dall’aria. Ho ottenuto dei telai incisi, ma la gelatina sensibilizzata, a contato con l’acqua, non rimane totalmente “insensibile”: pur non sciogliendosi, torna un po’ viscida e scivolosa al tatto. ho il timore che, sampando, con il colore e i passaggi della racla, possa sciogliersi. potete darmi un parere?

Alice, Genova

Dell’emulsione che fatica ad asciugare e che viene lavata via durante lo sviluppo, lei ha individuato perfettamente la causa: è l’umidità eccessiva. L’emulsione serigrafica, infatti, è igroscopica e perciò tende ad assorbire l’umidità.

Perfino in ambienti con umidità normale, anche una giornata piovosa riesca a modificarne il comportamento, peggiorandolo. Tipico esempio: i microfori che compaiono dopo lo sviluppo, e devono essere ritoccati; ma succede solo quando fuori piove!

L’accorgimento da lei adottato, di scaldare il telaio prima di esporlo, è del tutto corretto e nei giorni umidi lo adottiamo anche nel nostro laboratorio. Ma, se l’umidità è eccessiva, si tratta di un rimedio parziale.
Non credo che i telai emulsionati con lo Screen Sol 400 possano essere danneggiati dall’umido dopo che sono stati sviluppati: si tratta di un’emulsione universale, quindi quando è indurita non soffre l’acqua.
Anche la loro durata nel tempo non ne dovrebbe soffrire. Al massimo potrebbe catalizzarli dopo lo sviluppo, ma così facendo non saranno più recuperabili, perciò non lo consiglio.

Oltre all’accorgimento che lei ha adottato, un’azione ulteriore può essere quella di deumidificare almeno la parte di ambiente in cui lei emulsiona, incide e sviluppa. Non è necessario dove stampa.
Esistono deumidificatori rudimentali ed economici, sono semplici recipienti riempiti con uno speciale sale (tutto il sale è igroscopico). Oppure un piccolo condizionatore: ha la funzione di deumidificazione che può essere usata anche senza raffreddare, ed è molto più efficiente.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Vorrei avere alcune informazioni sull'articolo "Neon UV per incisione telai. Kit di 6 Pezzi" Il Kit comprende anche i cavi...

Quale emulsione è adatta per incidere il telaio con la luce del sole? Gabriele L'esposizione con luce solare è sicuramente...

Ho una luce alogena da 500W e ho utilizzato l’emulsione a Diazo Screen Sol RM Blu. Qual è il tempo...

Volevo qualche vostro consiglio sui tempi di esposizione dell'emulsione Screen sol RM BLU lo faccio asciugare a temperatura ambiente o...

Volevo sapere la differenza tra telaio inciso ed il telaio emulsionato ed inciso. Ho letto che il telaio inciso dura...

Dopo aver spalmato la gelatina (la QLT) sul telaio e dopo averlo fatto asciugare, l'ho metto per 80 secondi sul bromografo dotato...

Ho acquistato della Gelatina Zero in Universal Plus. Come faccio a renderla fotosensibile? Mescolo direttamente la polvere di diazo nel barattolo?...

Dovrei impressionare i miei telai con una lampada alogena da 400W posta a 105cm dalla base, utilizzando la gelatina Emulsioni...

Sto avendo alcuni problemi con la gelatina QLT pronta all'uso. Ho esposto per 19 minuti a un metro circa dal...