Come usare il calcolatore d’esposizione

Come usare il calcolatore d’esposizione

Potrebbe darmi maggiori informazioni su come funziona il calcolatore d’esposizione?
Potrei usarlo per calcolare i tempi di esposizione col sole, una volta stabiliti i tempi esatti con un bromografo?

Antonella

Il calcolatore di esposizione è un o strumento molto semplice da utilizzare nella pratica, ma è un po’ più complesso spiegarne il funzionamento.
Consiste in una pellicola divisa in 5 diverse zone con diverse tonalità di grigio, e quindi di filtratura della luce.
Ogni zona è contraddistinta da un numero, che non è altro che un fattore moltiplicativo: zona 1, zona 0,7, zona 0,5, zona 0,33, zona 0,25.

Si usa così:
si appoggia il calcolatore sul telaio emulsionato, come fosse un disegno da riprodurre, e si espone per un tempo doppio rispetto a quello che supponiamo possa essere il tempo corretto.
a fine esposizione si toglie il calcolatore e si sviluppa normalmente il telaio.
– delle 5 zone solo una risulterà correttamente esposta. Le altre saranno o troppo esposte, e quindi difficili da sviluppare, oppure troppo poco esposte e quindi l’emulsione tenderà a sciogliersi.
leggiamo il numero corrispondente alla zona correttamente sviluppata e moltiplichiamolo per il tempo di esposizione che abbiamo utilizzato.
– il risultato è il corretto tempo di esposizione.

Esempio:
– ritengo che 4 minuti sia un tempo di esposizione corretto
– applico il calcolatore sul telaio ed espongo per 4×2= 8 minuti
– sviluppo e vedo che la zona svilupppata correttamente porta il numero 0,7.
– moltiplico 0,7 per 8 (il tempo di esposizione che ho utilizzato) e ottengo 5,6.
– 5,6, cioè un po’ più di 5 minuti e 30 secondi, è il tempo di esposizione corretto.

Questo attrezzo consente perciò di determinare il tempo di esposizione dei telai con un solo tentativo.
Trattandosi di una pellicola può essere usato un numero indefinito di volte.

Sicuramente può usare il calcolatore di esposizione con il sole, ma il tempo di esposizione che troverà sarà valido solo in quella occasione.
La luce del sole è infatti molto variabile, per tutti i motivi che sappiamo (ora del giorno, stagione, nuvolosità).
Dovrebbe perciò fare un test con il calcolatore ogni volta che ha da sviluppare un telaio.
E sviluppare il telaio sperando che nel frattempo la luce non si sia modificata, magari per il passaggio di una nuvola.

 Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi? Scrivi qui >>
 Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati? Partecipa al Forum >>

Può interessarti anche

Ecco gli accorgimenti per colorare a pennello una tshirt stampata in serigrafia Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei utilizzarlo con il pennello a mano sopra le magliette (dopo aver stampato le grafiche fatte con il telaio), per avere dei dettagl...
Il consiglio per costruirsi in casa un bromografo con i Neon UV Ho acquistato un set di 4 neon UV 18w 60cm per costruire un bromografo. Ho usato uno Starter da 220 V. Potreste inviarmi uno schema del circuito perchè non riesco a farli accendere? Abifè Lo schema del circuito dipende dal tipo di starter e di con...
Alcuni chiarimenti sul Kit per incidere i telai Vorrei avere alcune informazioni sull'articolo "Neon UV per incisione telai. Kit di 6 Pezzi" Il Kit comprende anche i cavi per collegarli? Che attacco hanno? Sono lunghi di 65 cm o 120 cm? Samuele I "neon UV per incisione telai - kit di 6 pezzi" c...

COMMENTA E CONDIVIDI

Powered by Facebook Comments

,

Vuoi scriverci una domanda?

franco ratto Sono Franco responsabile tecnico di CPL Fabbrika. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche, commerciali e tutte le curiosità sui prodotti.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>


angelo barzaghi Sono Angelo Barzaghi, serigrafo e docente dell'Accademia Serigrafica. Sono a tua disposizione per tutte le domande tecniche sulla serigrafia e sul transfer serigrafico.
Se vuoi scrivermi, clicca qui >>
inizio serigrafia