Elasticità e Resistenza ai lavaggi degli inchiostri a base acqua per serigrafia

inchiostri a base acqua acrilici per serigrafia

Salve sig. Franco Io qualche tempo fa’ ho acqistato il kit stampa t-shirt, ed ho comincaiato a fare delle stampe monocolore con i vs. prodotti. Mi interessava risolvere il problema che ho con le stampe di colore bianco (se nn sbaglio si tratta del texprint. Dopo aver stampato sulla t-shirt scura, ho notato che dopo l’asciugatura tramite phon risulta rigido e di conseguenza si creano subito difetti (crepe nella stampa) e al primo lavaggio perde subito il colore, in certi casi anche di un buon 70%. Lo stesso prcedimento ha effetti positivi con le stampe di colore nero, che al contrario risultano piu’ morbide e tengono al lavaggio. Che cosa sbaglio?

Costanzo, Sassari

Per quanto riguarda l’elasticità degli inchiostri non sbaglia assolutamente niente: gli inchiostri a base acqua sono per loro natura poco elastici: il bianco lo è pochissimo, il nero lo è un po’ di più. Quando si stampa a 55 fili, per ottenere buona coprenza, si deposita sulla stoffa uno strato di inchiostro consistente, che non è assolutamente in grado di seguire la stoffa nei suoi allungamenti e determina delle crepe.

Non esistono veri inchiostri a base acqua elastici.
Un rimedio parziale consiste nell’aggiungere all’inchiostro una piccola percentuale di base trasparente (naturalmente del medesimo tipo di inchiostro): la base trasparente, essendo priva di pigmento, è piuttosto elastica e dà elasticità all’inchiostro a cui si mescola.
La contropartita è che così facendo l’inchiostro perde potere coprente, in proporzione al trasparente che si aggiunge.

Sta allo stampatore cercare di ottenere un soddisfacente compromesso.

Resistenza ai lavaggi: gli inchiostri acrilici a base acqua, come il Texprint Mono, raggiungono il massimo indurimento dopo 4-5 giorni dalla stampa, se l’umidità dell’aria è contenuta. Altrimenti, con atmosfera umida, impiegano anche di più. Si può abbreviare questo tempo scaldando con cappa, termopressa, o forno.
Se l’esiccazione è stata corretta, è possibile che il bianco perda un po’ di pigmento, ma in misura molto modesta, comunque non superiore al 10%.

E’ comunque buona norma lavare sempre le maglie serigrafate con il disegno rivoltato all’interno.

Nei lavaggi successivi non si nota alcuna perdita ulteriore di colore.

COMMENTA E CONDIVIDI

Hai anche tu una curiosità o una domanda per noi?

SCRIVI QUA

Vuoi condividere la tua esperienza e il tuo lavoro con colleghi e appassionati?

PARTECIPA AL FORUM

Vorrei farvi delle domande sugli inchiostri da serigrafia: possono essere utilizzati per dipingere a mano su tessuto, con pennello o...

Quali sono gli inchiostri migliori da usare per un evento di serigrafia dal vivo su t-shirt? Ragionandoci credo che gli...

Vorrei specializzarmi nella stampa su carta con inchiostri base acqua, però nelle ultime stampe sto avendo qualche problema. L'inchiostro che...

Da poco ho fondato un piccolo marchio di abbigliamento (per ora magliette felpe e cappellini) producendo tramite terzi un centinaio...

Riscontro troppi problemi sulla stampa con colori all'acqua. Ho provato tre o quattro tipi di inchiostri base acqua e asciugatura...

Mi è successo di riscontrare dei problemi sulla tenuta al lavaggio di alcune t-shirt stampate con inchiostro Texprint ad acqua...

Ho stampato alcune Tshirt con  un colore bianco o nero, Texprint. Se prendessi un altro colore (rosso, verde ecc) potrei...

Ho acquistato da voi l'inchiostro Texprint Mono per serigrafia. Il problema è che, soltanto dopo due stampe, le altre cominciano...

Stampo da poco magliette utilizzando colori ad acqua e vorrei sapere, avendo letto che il bianco da parecchi problemi se...